Viva i Vegani!!!

\”E dal momento che noi siamo i sepolcri viventi di animali morti di morte
violenta, come possiamo aspettarci condizioni ideali su questo pianeta?\”

[George Bernard Shaw]

Io sono vegano. Non mangio carne bovina, pollo, pesce, uova, prodotti caseari, miele o altri cibi derivati da animali.
Perché? Beh, a parte il fatto che è un eccellente pretesto per evitare i pranzi in famiglia come quello del giorno del Ringraziamento, sto dando il mio personale contributo alla… hem, salvezza del pianeta.

Ma non è questione di ideologia o di opinioni: quelli che contano sono i fatti, e mangiare gli animali è un mis-fatto.
Il consumo americano di sangue, ossa, grasso e muscoli sta aumentando a dismisura.
Non soltanto questo disdicevole piccolo segreto ha portato all’esplosione di una epidemia degenerativa, ma il massacro causato dall’abitudine di nutrirci dei nostri amici dotati di pellicce, scaglie o ali, ha un impatto sull’intero pianeta.

Su questo stile di vita ci sarebbe da dire molto di più di quello che può essere contenuto in un articolo: i vegani, gli animali non li \”indossano\” nemmeno (lana, pelliccia, pelle, piume), e i puristi arrivano a rifiutare l’onnipresente cultura dell’automobile (1 milione di animali uccisi ogni anno da automobili, più gli incalcolabili costi per costruire autostrade, autogrill e parcheggi al posto di ecosistemi prima rigogliosi).
Quindi, quello che di cui parleremo ora è di come le nostre scelte hanno effetto sull’intero pianeta.

Howard Lyman, l’ex-allevatore divenuto vegano che è stato denunciato (assieme a Oprah) per aver avuto l’audacia di nominare la malattia della mucca pazza alla Tv nazionale, ha detto:
\”Per rendere le nostre scelte delle scelte ponderate, dobbiamo prima di tutto guardare alle cifre\”

Il solo problema è quali cifre selezionare per infilarle in questo pezzo.

Devo forse spiegarvi che, mentre siamo impegnati a sorbirci la martellante retorica sulla criminalità dilagante nella nostra società, quest’anno verranno abbattuti 9 milioni di animali? Dovrei mostrarvi che a 37° (la temperatura del corpo umano), il grasso animale è solido (tipo costolette di maiale) mentre il grasso vegetale (olio d’oliva) è liquido? Non c’è da stupirsi del fatto che il rischio di morire di infarto per un Americano medio sia del 50%. Per un vegano è del 4%.

A questa non so resistere: dal momento che il tuo dotto intestinale è troppo lungo per digerire carne in maniera opportuna, quelle costolette di maiale a cui alludevo prima possono restare lì a putrefarsi e a rilasciare sostanze cancerogene per intere settimane. Di conseguenza gli Americani ingeriscono più lassativi di tutte le altre nazioni del pianeta. Pensateci un po’: quasi tutte le decisioni legate al nostro apparato legislativo, giudiziario, sanitario e militare sono prese da anziani signori affetti da stipsi.

E’ utile specificare che, utilizzando la stessa quantità di terra attualmente riservata ai pascoli, sarebbe possibile nutrire un numero di persone all\’incirca 14 volte superiore e che una delle principali cause della scomparsa delle nostre foreste pluviali al ritmo di un campo da football al secondo è la creazione di spazi per l’allevamento di animali che verranno sacrificati agli insaziabili carnivori americani?
E scommetto che ultimamente non avete sentito niente alla CNN a proposito del fatto che l’acqua necessaria per alimentare questa maledetta impresa è fatta affluire dai fiumi, togliendola agli impianti idroelettrici e dando a Westinghouse l’ispirazione per la costruzione di altre centrali nucleari che poi ci gaseranno e ci ungeranno tutti con una bella cura aromaterapica al plutonio.

Vi piace il latte?
Prima di esibire i vostri baffi, pensate che il latte di mucca ha il 300% di proteine e il 700% di minerali più del latte umano, che contiene una quantità di grassi acidi 10 volte superiore, il 300% in più di selenio e la metà del calcio.

Ne avete abbastanza? In caso contrario fate il test di John Harris: recatevi all’obitorio più vicino, hem… alla macelleria, e date una bella occhiata alla carne cruda e al sangue.
Annusate l’odore della morte.
Osservate le pecore appese ai ganci.
Inspirate profondamente e ponetevi la seguente domanda: mi sta venendo fame? Sto salivando? Il mio stomaco si sta facendo sentire? Ho voglia di afferrare un pezzo di manzo e di mangiarmelo crudo?

Adesso provate ad andare da un fruttivendolo.
Annusate le fragole, le papaie, i peperoni.
Inspirate forte e domandatevi: mi sta venendo fame? Sto salivando? Quello che vedo e quello che sento mi fanno gola? Ho voglia di afferrare quella pera e mangiarmela?

A questo punto avrete un’idea abbastanza chiara di quali sono i cibi naturali per gli esseri umani.

Avete ancora dubbi? Provate il test di Mickey Z: ogni giorno 27 bambini americani muoiono di privazioni e fame mentre 15 milioni di animali vengono macellati per ragioni alimentari.
In tutto il mondo, 60 milioni di persone muoiono di fame ogni anno.
Ogni 55 secondi un americano muore di cancro. Ogni 45 secondi un americano subisce un infarto fatale. Ogni 2 secondi sul nostro pianeta un bambino muore di fame.

Andate avanti, tirate le somme. Quanti ne abbiamo persi mentre voi stavate leggendo questo articolo?
Pare che l’arma più letale dell’arsenale umano sia la forchetta.

Viva las vegans…

Autore: Michael Zezima

Traduzione italiana a cura di Paolo Teodorakis

In collaborazione con www.disinfo.com

Fonte: www.donjuan-online.org

Lascia un commento

L'indirizzo email non verrà pubblicato.

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

Vai alla barra degli strumenti