Home » Dalla redazione... » La città dice no alle buste di plastica

La città dice no alle buste di plastica

CONDIVIDI


PARIGI – Tutto un quartiere che dice “basta” alle buste di plastica, troppo inquinanti. Vicino a Parigi Senart, periferia verde a sud-est della capitale francese fra la Senna e la Marna ha messo al bando le buste di plastica e deciso che i 100.000 abitanti saranno gratuitamente forniti di sporta per la spesa riutilizzabile. La decisione e il denaro per realizzarla vengono dal Comune e dai commercianti.

I due grandi fiumi della regione, la sterminata foresta dove vivono migliaia di specie animali anche se si è a 50 chilometri da Parigi, i bambini, ringraziano, così come plaudono all’iniziativa quell’85% di francesi che – stando ai manifesti che compaiono in questi giorni nella capitale – vorrebbero dire basta ai rifiuti in plastica non riciclabili. I danni delle buste di plastica, la loro dispendiosità e il pericolo che rappresentano per il futuro dell’ambiente sono una specie di litania che da anni viene ripetuta invano.

I commercianti di Senart, invece, si sono fatti due conti: “ogni anno si distribuiscono in Francia 15 miliardi di buste di plastica – spiega Christelle Dupont-Maitre, dell’associazione commercianti – qualcosa che rappresenta 85.000 tonnellate di rifiuti, che costano 100 milioni di euro alla collettività”.
Senza contare che quando vengono lasciati in giro, o gettati in terra, ci mettono da uno a quattro secoli per biodegradarsi.

I primi a decidere di passare all’azione sono stati i due ipermercati di Senart. Dopo di loro, hanno sposato l’iniziativa “ecocittadina” tutti i 120 aderenti all’Associazione commercianti. Le prime 32.000 sporte per la spesa, gratuite e riutilizzabili, verranno inviate a casa dei cittadini degli otto comuni di Senart a fine settembre. Il piano d’azione prevede la scomparsa immediata delle “buste inquinanti” e l’eliminazione totale dei vituperati involucri dalla visuale degli abitanti entro due anni.

I consumatori sembrano entusiasti, tanto che i piccoli negozianti di frutta e verdura e alimentari parlano di massaie che da quest’estate già rifiutavano gli indistruttibili sacchetti. Ai commercianti, l’acquisto delle sporte è costato 24.000 euro, ai quali si deve aggiungere un quantitativo non indifferente di sacchetti biodegradabili, per chi proprio non può fare a meno della tradizionale busta. “Lo faremo – spiega uno dei rappresentanti dell’Associazione commercianti – anche se una busta bio costa quattro volte di più delle normali”.

Durante le discussioni che hanno preceduto l’iniziativa, qualcuno si è lamentato perché da sempre utilizzava le buste di plastica per raccogliere poi l’immondizia in casa: “la nostra discarica con raccolta differenziata – ha pazientemente spiegato il vicesindaco e assessore al commercio – è ormai inservibile a causa delle buste di plastica che la gente usa come sacchi per i rifiuti”.

————————–

Tratto da: www.repubblica.it


Per commentare questo articolo: forum di promiseland.it dedicato al commercio equo e solidale

Inserito da: Antonella Corabi

CONDIVIDI


Puoi seguire tutti i commenti di questo articolo via RSS 2.0.

Lascia un commento

VeganOK TG News














Veganok.com


VEGANOK S.R.L. - Società Benefit
P.IVA 13693571005
tel. +39 063291366
fax +39 0692912710

Info

chi siamo
contattaci
privacy e cookie policy
feed RSS feed rss

VeganOK Network

promiseland.it
veganblog.it
veganok.com
biodizionario.it

 

veganwiz.com
veganwiz.es
veganwiz.fr