L'antispecismo spiegato a mia mamma

Al  mio vicino, alla mia collega, al mio amico…

Dopo aver ascoltato per migliaia di volte  affermazioni quali: “ma la caccia non può essere abolita perchè c’è sempre stata!” “per me è giusto mangiare animali perché anche le carote soffrono” “eppure i vegan sono razzisti con i carnivori” “…ma se liberiamo gli animali, poi non sapremo più dove metterli!”; dopo averne ascoltate di cotte, di crude, di acide e di ottuse, pensavamo di aver completato la nostra collezione.
Ma un giorno, durante una festa, ecco giungere inaspettatamente il record dei record: “Ma sì, anche i vegetariani mangiano il pesce perché in fondo, il pesce, non è né carne né pesce!”
Fu allora che decidemmo che occorreva fare qualcosa.
Questo libro cerca di spiegare l’essenza dell’antispecismo in termini chiari e semplici, ma non per questo banali o poco approfonditi.

Lo abbiamo scritto pensando di rivolgerci anche alla mamma, all’amico, al collega, alla vicina… insomma, a tutti e a tutte.
Siamo convinti, infatti, che sia venuto il momento di aprire il dialogo a trecentosessanta gradi, che sia venuto il momento di affermare senza paura quanto siano superate quelle filosofie che, pur definendosi ecologiste, vegetariane, libertarie, bioregionaliste ecc. continuano, attraverso lo sfruttamento di tutte le specie animali, a mantenere, di fatto, l’essere umano al vertice di una piramide gerarchica.
L’antispecismo prefigura una nuova società realmente ecocentrica e basata su principi di equità, giustizia e solidarietà nei riguardi delle altre specie (persone non umane, e pertanto popolazioni di persone non umane).
Si tratta di un’autoproduzione in stampa digitale
per info [email protected]
Troglodita Tribe S.p.A.f.
Società per Azioni felici
Editoria creativa casalinga
Libelli realizzati con materiale cartaceo di scarto
Sito: http://trogloditatribe.wordpress.com/
———————–
News Inserita da Daria Mazzali
Redazione Promiseland.it

  1. SIIIIIIIIIIIIIIIIIIIIIIIIIIIIIIIIIIIIIIIIIIII….che bello!
    Perchè, in effetti, dopo che mi son sentita rispondere che siamo obbligati a mangiare gli animali perchè altrimenti non sapremmo più dove metterli avevo quasi perso la speranza, un giorno, di poter affrontare il discorso in modo quantomeno onesto.
    ..si, perchè, secondo me, è una sorta di disonestà di fondo che ti fa dire certe cose.
    O devo forse pensare che la gente con cui ho parlato creda seriamente alle risposte che mi ha dato?

    Reply

Lascia un commento

L'indirizzo email non verrà pubblicato.












Vai alla barra degli strumenti