Home » Dalla redazione... » La scienza della vita

La scienza della vita

CONDIVIDI



La scienza della vita, Lo Yoga e l’Ayurveda è il titolo del libro del Maestro Amadio Bianchi che ha tenuto la seconda conferenza di venerdì sera, altrettanto seguita della prima, ed è stata volta a mettere in evidenza il lato emozionale della vita delle persone, considerato dalla medicina ayurvedica molto importante.

Un aspetto della nostra vita che viene sottovalutato è il nostro respiro. Molte patologie e molti problemi di salute derivano dalla nostra maniera di respirare.

A titolo esplicativo basti pensare che un essere umano, mediamente, può restare senza mangiare circa quaranta giorni, senza bere tre giorni, senza respirare otto minuti. Questo per dare l’idea dell’importanza delle azioni che compiamo tutti i giorni, ma alle quali spesso non prestiamo attenzione.

In un giorno respiriamo tra le 17.000 e le 22.000 volte, ma quanti di questi respiri sono compiuti consapevolmente?

Troppo spesso le persone non hanno coscienza delle cose veramente importanti nella vita, che nel frattempo scorre via, e questo succede per il 50% delle cose importanti.

Il relatore ci ha raccontato che da giovane ha cominciato a prendere molto presto le sue decisioni e ha fatto per dieci anni il pittore, riuscendo a vivere della sua arte. Ma un artista ha una vita molto emozionale e le nostre emozioni se non sono gestite correttamente ci si ritorcono contro.

Molto giovane ha sviluppato una forte anemia, poi diventata perniciosa con conseguente peggioramento e sospetto di leucemia. Grazie ad un libro di yoga che si è ritrovato casualmente tra le mani si è avvicinato a questa pratica senza sapere che gli avrebbe cambiato la vita.

In tre anni di pratica intensa, giustificata dall’avanzato degrado della sua salute, i suoi esami sono tornati alla normalità.

Le malattie psicosomatiche derivano dal fatto che la maggior parte delle persone non abitano la propria parte psichica.

Alla domanda “Che cos’è la vita” si può rispondere in diversi modi: l’esperienza profonda di noi stessi, l’armonia con la natura… ma in realtà la vita è formata da una parte fisica (il nostro corpo) e da una parte non fisica (la nostra coscienza). La coscienza è lo strumento della parte non fisica. Quindi possiamo affermare che la vita stessa è psicosomatica perché è l’unione di corpo e psiche. Amadio Bianchi ha recuperato il controllo della sua vita quando ha ripreso la consapevolezza che doveva convivere e conoscere la sua psiche. E’ una questione di scelte.

I sensi sono gli strumenti che la Natura ci ha dato per gestire la nostra parte fisica. La coscienza è lo strumento che la Natura ci ha dato per gestire la parte psichica.

Yoga e Ayurveda sono indissolubili, sono discipline olistiche che si occupano dell’interezza dell’essere umano.

Lo stile di vita moderno crea tante malattie verso le quali siamo impreparati. Si dovrebbe prendere in considerazione la vita per quello che è. Per esempio molte persone soffrono di disturbi del sonno e questo li fa andare fuori dall’equilibrio.

Negli animali quando vengono meno le condizioni ottimali per riprodursi viene meno la fertilità. Al giorno d’oggi il tempo medio necessario ad una donna per rimanere incinta è di più di un anno. Bisognerebbe dirsi “Io nella vita posso scegliere”. E per fare delle scelte bisogna avere delle conoscenze.

Il corpo umano è composto da sette tipi di tessuti che si nutrono a cascata e il tessuto riproduttivo è l’ultimo (il shukra).

L’alimentazione quindi è molto importante e l’alimentazione corretta è quella più adatta alla propria costituzione. La Natura è infinita siamo tutti diversi uno dall’altro. Da secoli l’uomo è alla ricerca della dieta migliore. In realtà è molto semplice: il segreto è nel sapore. La Natura ci ha messo il dietologo in bocca, con la quale siamo in grado di riconoscere sei sapori: dolce, amaro, salato, piccante, acido e astringente. Questi sei sapori si possono mescolare in infinite combinazioni.

La medicina ayurvedica, secondo la quale siamo composti da cinque elementi (terra, acqua, aria, fuoco, etere) è semplice e alla portata di tutti. Nella respirazione c’è il segreto della vita: essa inizia con una inspirazione (forza di assimilazione), poi c’è il momento di astensione (trasformazione) e l’espirazione (eliminazione); da questi tre processi nasce la salute: basta tenerli sotto controllo per essere in salute.

E’ molto importante tenere in considerazione la respirazione, il cibo e le emozioni, che sono un alimento per la psiche. Come al ristorante scegliamo il cibo che nutrirà il nostro corpo dovremmo sceglierci le emozioni che nutriranno la nostra psiche. Invece al giorno d’oggi si va dallo psicologo per ri-digerire le emozioni che non abbiamo assimilato. Per restare in buona salute ci deve essere equilibrio tra assimilazione, trasformazione ed espulsione e si possono stimolare queste funzioni per equilibrarci, se per esempio ce n’è una più forte.

Il Maestro Bianchi ha scritto un libro (La scienza della vita, Lo Yoga e l’Ayurveda) al proposito, che ci ha presentato durante la sua conferenza, dove una sezione è dedicata all’alimentazione, sono ricette per mantenere sveglia la mente, che non la addormentano. La sezione è divisa in nove giornate tipo perché il nove è un numero magico in India, perché contiene tutti i precedenti e i successivi sono una ripetizione. Nell’Ayurveda tutti sono diversi uno dall’altro, ogni individuo ha le sue specificità. Per esempio lo yogurt (fuoco+terra) è acido e fa ingrassare, per dimagrire bisogna togliere il dolce ma anche l’acido. La salute è un dovere che dobbiamo a chiunque, anche nei confronti dei nostri famigliari.

Il Maestro Bianchi era terapeuta ayurveda, ora è suo compito passare la conoscenza di questa disciplina nel mondo per informare e fare prevenzione. Per esempio con semplici accorgimenti si possono risolvere problemi che hanno risvolti importanti sulla nostra vita. Molti soffrono di stitichezza e non sanno che bastano due bicchieri di acqua calda al mattino, a digiuno, per stimolare l’intestino. Oppure non conoscono i benefici effetti di un decotto di acqua e malva, del quale si mangeranno anche le foglie. Sono rimedi molto meno costosi e molto meno invasivi della medicina convenzionale.

La conferenza si è conclusa con una breve spiegazione della visita che un terapeuta ayurveda fa, visita che dura a lungo e comprende almeno otto aspetti esaminati: battito (polso) a tre livelli, occhi (iride), lingua (la linea centrale corrisponde alla colonna vertebrale), urina (la consistenza viene testata versando una goccia di olio di sesamo sulle urine ed osservandone il comportamento), feci (non sempre necessario), suoni del corpo (tra cui il respiro) prima di arrivare alla diagnosi.

La conferenza, molto interessante per la scrivente completamente digiuna di nozioni al riguardo, si è terminata con la lettura di un breve passaggio tratto dal libro presentato. Libro che porterò a casa con me e che spero di riuscire a leggere al più presto per potervene parlare. Il Maestro Amadio Bianchi è direttore e fondatore di diversi istituti di pratiche ayurvediche, tiene corsi e conferenze in tutto il mondo per diffondere la cultura di questo metodo così semplice, così antico ma anche così efficace perché la sua volontà è di farne beneficiare più persone possibile.

CONDIVIDI


Puoi seguire tutti i commenti di questo articolo via RSS 2.0.

6 Commenti per “La scienza della vita”

  1. Amadio Bianchi

    Mi ha fatto davvero piacere partecipare a questo importante evento. Mi compiaccio, dunque, con gli organizzatori e mi auguro abbia un seguito….
    Amadio Bianchi

  2. Barbara Primo
    Barbara Primo

    Noi la ringraziamo della sua partecipazione, ho seguito il suo intervento con grande interesse e leggerò attentamente il suo libro. Spero di avere ancora occasione di incontrarla, magari l’anno prossimo al VeganFest2012, al quale stiamo già pensando!

  3. tiziana alberti

    Articolo molto interessante che ha saputo trasmettere anche a chi non ha potuto partecipare i concetti di questa interessante disciplina.

  4. Cartomanzia

    Ottimo articolo e complimenti per il blog, sono da poco un nuovo lettore e mi piace molto!! 😉

  5. Barbara Primo
    Barbara Primo

    Grazie: buona lettura, presto nuovi articoli sugli avvenimenti del VeganFest. 🙂

  6. Sauro Martella

    Grazie Amadio, la tua presenza proprio all’inizio del VeganFest è stata una cosa decisamente bella e rappresentativa… Spero ci vedremo anche alla prossima edizione del VeganFest…
    Un abbraccio. 🙂

Lascia un commento

VeganOK TG News














Promiseland.it


VEGANOK S.R.L. SOCIETÁ BENEFIT
P.IVA 13693571005
tel. +39 063291366
fax +39 0692912710

Info

chi siamo
contattaci
condizioni d'uso
privacy e cookie policy
feed RSS feed rss

VeganOK Network

promiseland.it
veganblog.it
veganok.com
biodizionario.it

 

veganwiz.com
veganwiz.es
veganwiz.fr