L'orecchio verde di Gianni Rodari

Si avvicina la fine dell’anno e con questo periodo anche tutta una serie di feste gioiose e ottimo pretesto per un regalo. E quale regalo migliore di qualcosa di utile, pensato per essere d’aiuto e allo stesso tempo divulgativo dello stile di vita etico?
Ma di cosa stiamo parlando? Di un manuale? Un libro di poesie? Un libro per bambini? Un disco? Niente di tutto ciò ed allo stesso tempo tutto questo insieme: stiamo parlando di un disco, quindi di musica, ma anche del libro che lo accompagna.
“L’orecchio verde di Gianni Rodari” a cura di Stefano Panzarasa è due regali in uno: lo si può avere nella biblioteca per il proprio piacere personale o per la voglia di condividere la nostra scelta con le persone a noi care, che non devono essere necessariamente bambini: le parole di Gianni Rodari parlano al cuore di tutti, grandi e piccini. Ed è proprio con questo intento che Stefano ha curato questa fatica editoriale: parlare al cuore di tutti, allietare con la sua musica l’orecchio di tutti, anche di chi non ce l’ha più verde come quel signore sul diretto Capranica-Viterbo…
Non è da ieri che il curatore del libro mette in musica le parole di Gianni Rodari e si prodiga per divulgare un modo di vivere ecologico, pacifico e vegan: ecopacifico appunto. Molte le iniziative alle quali partecipa con la sua musica ed i suoi laboratori per diffondere questo stile di vita a partire proprio dai bambini, con i quali ha sempre successo, ma non solo: questo saggio non è solo su Gianni Rodari, ma è un libro per tutti e l’idea è nata proprio dal successo che riscontravano le storie di Rodari con i bambini ma anche con gli adulti che li accompagnano; chiunque può divertirsi sfogliandolo o ascoltandolo, insomma in questo caso è proprio giusto parlare di un libro che accompagna degnamente un CD!
Durante i laboratori che vengono proposti nelle scuole con presentazioni-spettacolo i bambini vengono coinvolti nella preparazione dei piatti, preferibilmente a partire da verdure provenienti da un orto coltivato direttamente. Nel libro c’è questa foto del “Minestrone di Cipollino” con un bambino che ha partecipato alla sua realizzazione durante uno di questi laboratori di educazione ambientale e alimentare, che vengono organizzati dal Servizio Educazione Ambientale del Parco dei Monti Lucretili ogni prima domenica del mese alla fiera tradizionale di Osteria Nuova (RI). Purtroppo la fiera è proprio tradizionale e ci vendono anche animali, ma all’interno hanno creato uno spazio a parte chiamato “Piazza del contadino” dove c’è un bel mercato biologico ed il laboratorio.
All’interno del libro un paragrafo è interamente dedicato alla cucina vegan. Partendo da “Un menù vegetariano con Gianni Rodari” la cuoca vegan Mariagrazia ha veganamente riprodotto tutti i piatti, alcune di queste ricette, più molte altre sempre vegan sono visionabili, copiabili e gustabili dal sito www.cucinaecozoica.it.
Abbiamo avuto degli scambi con Stefano Panzarasa a proposito di questo ampio progetto che porta avanti su più fronti (musica, cucina, lettura, laboratori) e gli abbiamo rivolto alcune domande, grazie alle quali ne è risultato questo articolo ed un approfondimento dell’argomento.
Come è nata la tua passione per Gianni Rodari e l’idea di questo CD-libro?
La mia passione per Rodari è nata nel 2003 quando ho scoperto il testo della filastrocca “Un signore maturo con un orecchio acerbo” e ho capito che era un vero e proprio “manifesto ecopacifista” (così è stata addirittura definita pure dall’Università di Genova!), l’ho musicata (è presente nel CD) e ho cominciato a cantarla nelle scuole del parco dei Monti Lucretili (Roma e Rieti) dove dirigo il Servizio Educazione Ambientale… Ai bambini e alle bambine è piaciuta molto… Poi sono nati con loro i Cori dell’Orecchio Verde (con altre canzoni ecopacifiste da testi di Rodari sulla pace, contro la guerra, la solidarietà, l’amore per l’infanzia e la natura… – molte sono nel cd), altri ecolaboratori dedicati a Rodari (come quello sulla Grammatica della fantasia e Parlare con gli alberi…), spettacoli, incontri con altri appassionati di Rodari e prima di tutto l’amicizia con la moglie, la signora Maria Teresa Ferretti che in tutti questi anni ha riconosciuto il mio lavoro e mi ha anche aiutato poi per preparare il libro…
Insomma ho cercato di portare le idee ecopacifiste di Rodari oltre che nel lavoro (che poi per me è un divertimento) anche nella vita quotidiana e tanto per fare un esempio, nella cucina vegana cercando i suoi piatti “fantastici” e realizzandoli anche con l’aiuto di Mariagrazia la mia compagna, brava cuoca vegana. Così la rivoluzione ecopacifista la facciamo pacificamente (anche per gli animali) tutti i giorni a tavola (Mariagrazia ha collaborato proficuamente con Veganblog e ora ha un suo bel sito www.cucinaecozoica.it).
Infine il libro… A suo tempo le canzoni cantate con i bambini con la chitarra acustica sono diventate un cd realizzato con amici musicisti/arrangiatori e così abbiamo fatto “per tutti” come poi sarebbe piaciuto penso a Rodari, arrangiamenti folk rock, punk, reggae, ballate… Inizialmente il cd l’ho autoprodotto da me poi un giorno ho cominciato a cercare etichette discografiche ma senza successo e infine mi sono rivolto agli amici di Stampa Alternativa (storica casa editrice indipendente) che hanno accettato di pubblicare il cd ma insieme ad un libro… Al libro ho lavorato per un anno e mezzo chiamando a raccolta sulla mia idea del Rodari ecopacifista tanti autori rodariani, professori universitari, esperti, insegnanti, appassionati, ma anche bambini e bambine (il mondo di Rodari insomma) che con i loro brevi saggi, racconti, poesie, filastrocche, disegni e tutte le foto che avevo hanno dato vita al libro (io ho scritto molti articoli, raccontato storie legate alla mia “vita rodariana”, commentato tutte le canzoni…). Nel libro poi c’è anche tanto ancora, è difficile dire tutto quello che c’è, penso sia un libro da “scoprire”, qualcuno ha detto (pensando al suo bambino) “da guardare”, un’altro persino “da annusare” per via del buon odore della carta ecologica con cui è stampato, alla fine io amo dire che è anche “un libro che canta” (per via del cd).
A proposito del cd alle iniziali 12 canzoni realizzate in studio, alla fine se ne è aggiunta una, “La filastrocca del Natale” registrata con il mio nuovo gruppo “rock rodariano” INSALATA SBAGLIATA (da un testo di Rodari) con il quale mi sono appena esibito alla prima presentazione/spettacolo il 23 ottobre scorso al Pisa Book Festival.
Quando sarà la prossima presentazione-spettacolo del CD?
La prossima presentazione/spettacolo è l’8 dicembre 2011 alla Fiera della Piccola e Media Editoria a Roma (EUR – Palazzo dei Congressi) alle ore 18.00 nella Sala Ragazzi (1° piano).
All’incontro parteciperanno Maria Teresa Ferretti, moglie di Gianni Rodari, Mario Di Rienzo, direttore del centro studi Rodari di Orvieto e Vito Consoli, pedagogista (sono anche tutti autori del libro di cui io sono curatore e autore). Ci saranno anche diversi altri autori (in tutto sono quasi 30!), bambini e bambine, genitori, amici e amiche, insomma sarà, come già avvenuto alla prima e recente presentazione/spettacolo di Pisa, un bell’incontro rodariano.
Concludiamo con una frase dello stesso autore che cita: “A tavola, come nella vita, bisogna quindi agire con consapevolezza, meglio ancora se ecologica, e lo stesso Rodari a proposito ci dice: “[…] Tanta gente non lo sa/e dunque non se ne cruccia/la vita la butta via/e mangia solo la buccia”. E quindi per finire, con il gusto e la fantasia, Buon appetito!
Ci è piaciuto:
-l’idea del libro “allegato” al CD;
-l’idea del libro-saggio ma fruibile da tutti;
-il fatto di cambiare il mondo dalla base: i bambini sono gli adulti del futuro;
-il coinvolgimento adulti E bambini;
-un paragrafo dedicato interamente alla cucina vegan.

  1. Stefano Panzarasa 13 novembre 2011, 7:34 am

    Cara Barbara,
    grazie delle bellissima recensione, a te e a tutti i lettori e lettrice dedico i miei videoclip che ho messo sul canale youtube “Orecchioverde” dove sono raccontate visivamente e musicalmente molte delle storie presenti nel libro.
    Un caro saluto,
    Stefano

    Reply
  2. ..forse se il barone lamberto avesse avuto questo libro da giovane, avrebbe evitato di perdere tempo a far parlare di se’ ….. 😉

    Reply
  3. Grazie Stefano: è stato un piacere scrivere questo articolo! La pagina dove trovare i video di Orecchioverde è questa:
    http://www.youtube.com/user/Orecchioverde
    Buona ascolto a tutti! 🙂

    Reply

Lascia un commento

L'indirizzo email non verrà pubblicato.

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

Vai alla barra degli strumenti