Home » IHP - Italian Horse Protection » Firenze: fra innovazione e retaggio del passato

Firenze: fra innovazione e retaggio del passato


Qualche settimana fa, per puro caso, mi sono ritrovata a passare un pomeriggio nella bellissima città di Firenze: una delle città più belle del mondo per le sue ricchezze artistiche e culturali ereditate dal passato; culla del rinascimento ma anche città innovativa e moderna è meta di milioni di turisti ogni anno.

Nonostante il pesante caldo  – il termometro della macchina segnava 38° – le vie del centro storico erano brulicanti di turisti armati di acqua fresca e cappellini indaffarati nello shopping e nelle visite dei posti più famosi del capoluogo.
Arrivata in Piazza Duomo mi sono dovuta arrendere anche io al caldo intenso e ho preso la decisione di prendermi una bevanda fresca seduta comodamente ad un bar; pochi minuti dopo nella parte più ombreggiata della piazza qualcosa attirò la mia attenzione.
Mi sono avvicinata  per osservare meglio,  di fronte a me una scena degna di un film ambientato nel medioevo: tre  poveri cavalli con la testa china per il caldo insopportabile, bardati di tutto punto con briglie, paraocchi e allacciature varie, attaccati a dei calessini erano in attesa di qualche turista “poco sensibile” alla ricerca di un giro città alternativo. Una scena pietosa per una città considerata il “Fiore all’occhiello” di una regione meravigliosa come la Toscana.

A pochi metri di distanza da quei poveri animali, la mia attenzione è stata nuovamente attirata da una scena molto più piacevole:

un signore sorridente seduto su di uno strano triciclo mi salutava chiedendomi se ero interessata ad un giro città ecologico… Ricambiando il gesto di cortesia mi sono avvicinata e gli ho chiesto più informazioni. Il simpatico “autista” mi ha spiegato  che a Firenze è attivo un servizio che propone il noleggio dei risciò a pedali, con i quali è possibile fare rilassanti tour ecologici nel centro storico, ad un prezzo molto vantaggioso, a impatto zero sull’ambiente e cruelty free. Ringraziando per la gentilezza ho chiesto di poter scattare una foto e l’ho salutato contenta di essere venuta a conoscenza della bella iniziativa. Oggi, guardando queste foto non posso fare a meno di riflettere sulle due facce di Firenze che sono state proposte a me come alle migliaia di persone che erano in Piazza Duomo quel pomeriggio; da toscana non posso fare a meno di chiedermi:
“che messaggio vogliamo far passare alle persone che arrivano dal tutto il mondo per ammirare la bellissima Firenze?
Quella di una città rinascimentale alla continua ricerca di innovazione, oppure quella di una città che vive di passato e tradizioni cruente per niente culturali?”

Spero tanto che la nascita di queste iniziative così lodevoli, sia la risposta alla mia domanda.

Irene Calvani – coordinamento segreteria
IHP Italian Horse Protection association

Puoi seguire tutti i commenti di questo articolo via RSS 2.0.

5 Commenti per “Firenze: fra innovazione e retaggio del passato”

  1. Sauro Martella

    Arriverà il giorno in cui il rispetto per tutti gli animali sarà un preciso dovere sociale… Dobbiamo solo fare in modo di far avvicinare quella data… Grazie a Italian Horse Protection per tutto il lavoro in difesa degli animali.

  2. Laura_Meccheri
    Laura_Meccheri

    La seconda è sicuramente la foto che vorremmo vedere sempre! Vado spesso a Firenze e mi imbatto sempre nei cavalli che stazionano in Piazza Duomo in attesa di portare a spasso il turista di turno, solitamente coppietta in viaggio di nozze o famigliola straniera con una marea di bambini al seguito. Mi chiedo? Ma cosa insegnano ai loro figli? Questo non è amore per gli animali. Far stare una povera bestia sotto il sole tutto il giorno significa mancanza di rispetto per la vita altrui.
    Cara Irene, continuate a lottare e a fare tutto ciò che fate per i cavalli, molto più sfruttati di ciò che la maggior parte della gente pensa!

  3. silvia

    Analoga scena mi è capitata diversi anni fa alla Reggia di Caserta. Infimi esseri umani che si guadagnavano la pagnotta sfruttando quelle povere bestiole provate al punto da avere la schiuma alla bocca…!
    Mi avvicinai per chiedere spiegazioni ad uno di quei trogloditi, la risposta con fare mafioso che ricevetti fu “tu non ti preoccupare…”
    Allora non ero preparata, oggi la denuncia alla Forestale non gliela leverebbe nessuno.

  4. Rox

    visto che il progresso esiste suggerirei di eliminare i ‘metodi medievali’, così che i cavalli possano tornare in libertà, a correre, a seguire il loro istinto..invece che fare da muli/statue durante il giorno sotto un sole cocente!!

Lascia un commento

Ultimi commenti














Promiseland.it


© NRG30 S.r.l.
P.IVA 06741431008
tel. +39 0636491957
fax +39 0636491958

Info

chi siamo
contattaci
feed RSS feed rss

Show Biz Network

ziogiorgio.it
zioforum.it
ziomusic.it
integrationmag.it

 

ziogiorgio.com
ziogiorgio.de
ziogiorgio.es
ziogiorgio.fr

 

lightsoundjournal.com
musicusata.it

VeganOK Network

promiseland.it
veganfest.it
veganok.com
veganok.tv
biodizionario.it

 

veganblog.it
veganwiz.fr
veganwiz.es
veganwiz.com