Home » Dalla redazione... » Tulsi, il basilico sacro dell’India

Tulsi, il basilico sacro dell’India

CONDIVIDI


TulsiIl tulsi o Basilico Santo (Ocimun sanctum), dal sanscrito “Madre Medicina”, in India è considerata un’erba sacra, è conosciuto almeno da 5.000 anni (lo sappiamo dalle scritture dell’epoca) e se ne trovano le piante, coltivate nei vasi di terracotta, praticamente in ogni casa o cortile.

Il tulsi ha innumerevoli proprietà benefiche che gli conferiscono effetti antiossidanti, antibatterici, antivirali, immuno-stimolanti e adattogeni (antistress); tutti questi effetti supportano le difese naturali contro germi, stress e disordini di varia natura.

Ne esistono più di 100 specie diverse, ma quelle maggiormente conosciute e utilizzate sono tre: il Rama, il Krishna e il Vana.

E’ un erba molto importante per la medicina ayurvedica ed è considerata un elisir di lunga vita; molto ricca di antiossidanti ed altri elementi nutrizionali, aiuta a tenere sotto controllo i livelli di zucchero e colesterolo nel sangue, favorisce i processi depurativi  contribuendo ad eliminare le tossine, riduce lo stress, previene le ulcere gastriche, attenua i processi infiammatori e protegge dalle radiazioni.

Inoltre, favorisce una corretta funzionalità cardiaca, delle vene, del fegato e dei polmoni, aiuta a regolare la pressione sanguigna ed è utile per abbassare la febbre e per la digestione.

Le tisane a base di tulsi, sia quelle pure che quelle aromatizzate, hanno un profumo e un sapore delicato e rinfrescante che le rende adatte ad essere bevute sia calde che fredde, si consiglia di berne una o due tazze al giorno e fin da subito si possono avere alcuni benefici, mentre altri richiedono almeno una settimana di uso regolare.

In Occidente e in Italia è ancora poco conosciuto ma è possibile trovarlo, già sotto forma di tisana, in alcuni negozi online e in erboristerie e negozi biologici ben forniti.

… Non vi resta che provarlo!

Copyright © 2013 Promiseland.it All rights reserved

CONDIVIDI


Puoi seguire tutti i commenti di questo articolo via RSS 2.0.

20 Commenti per “Tulsi, il basilico sacro dell’India”

  1. monica cappellini

    io di basilico ne metto tantissimo in insalata;forse non é Tulsi ma basilico di qui; e devo dire che ne sento il bisogno….con limone sale di bretagna un bel piatto di insalata

  2. claudio

    buongiorno,

    si, è una specie straordinaria… le piantine emanano un profumo intenso e delizioso, ed è facile da coltivare.

    per chi fosse interessato ho dei semi di tulsi, non so a quale specie appartengano.. raggiunge l’altezza di circa 60 cm, somiglia molto a quella della foto.
    saluti
    Claudio

    • ada zilli

      caro claudio sono molto interessata ai semi ma soprattutto al modo di coltivarli.ho provato più volte sia con semi portati dall’india che con quelli comprati da Amma , ma le piantine quando spuntavano, non riuscivano a crescere più di un cm. mi puoi dare anche buoni consigli oltre ai semi? grazie mille

      • claudio

        Ciao Ada,

        il mondo vegetale è ricco e completo di ogni sostanza. Alcune piante mi hanno incuriosito al punto da trasformarmi in una sorta di botanico della domenica… le specie che mi interessano in particolar modo che coltivo con successo sono: Neem ( Azadirachta Indica), Moringa Oleifera, Cymbopogon Nardus, Serenoa Repens.

        L’Ocinum Sancutm l’ho coltivato per la prima volta nel 2011 con dei semi indiani. Erano cresciute diverse piantine, dal profumo meraviglioso, che sono sopravissute 2 anni. Hanno raggiunto circa 60 cm di altezza e prodotto molti semi. La cosa più curiosa è che hanno germogliato anche dei semi portati dal vento nei vasi vicino… e ora si riproducono coi semi che cadono!

        Non so che consigli darti se non quello di cercare di far sentire il seme come a casa sua… ciò significa temperature calde, anche di notte. Forse i semi li avevi interrati eccessivamente mentre bastava ricoprirli appena di terriccio.

        Io vivo vicino al mare di Gallipoli e per molti mesi all’anno la temperatura è ideale per certi hobby…

        Se mi fai avere un indirizzo ti spedirò dei semi, costano solo 6 €…

        Saluti
        Claudio

        • serena

          Mi interessano i semi di tulasi.

          • Claudio

            Ciao Serena,

            se mi dai l’indirizzo te li spedisco.
            è gradito un rimborso spese di 6€.
            saluti

        • Ada

          Caro claudio, ho ritrovato dopo molfo tempo il sito del basilico. Sei ancora disponibile a mandarmi dei semi? Il mio indirizzo è Ada Zilli via acquedotto 1 34078 Sagrado provincia di Gorizia. Grazie infinite e Namastè

    • Amilcare 23 Dicembre 2014

      Ciao Claudio sarei interessato ai semi di tulsi. Potresti spedirmi dei semi se ne hai ancora, dimmi anche come posso farti il rimborso?
      questo è il mio indirizzo: via Trento n°31 – 71043 Manfredonia FG

    • ARMANDO

      ciao sono interessato ai semi di tulsi
      li hai ancora ? come posso fare par averli?
      grazie
      ciao

      • claudio gnoni

        ciao Armando
        non ho piu’ di quei straordinari semi e, ho lasciato il paese.
        grazie
        ciao

  3. SILVIA

    SAREI MOLTO INTERESSATA AD AVERE DEI SEMI DI TULSI. FAMMI SAPERE. GRAZIE

    • claudio

      Ciao Silvia

      Posso spedirti una busta con dei semi … non so dirti quanti perché sono molto piccoli e non ha senso contarli, di sicuro saranno più che sufficienti per iniziare.

      Dovresti darmi un indirizzo e, possibilmente, un rimborso con ricarica di 6 €
      saluti

  4. Rosa

    Salve!

    Anch’io sarei interessata ai semi ma non so come fare il rimborso di 6 euro…

    Rosa

  5. claudio

    ciao Rosa,

    non so se posso inserire i dati della carta per la ricarica… forse facciamo prima per telefono: 328 3170513

    saluti

  6. melania

    Ciao hai ancora i semini?

  7. Filippo

    Ciao Claudio sarei interessati ai semi di tulsi. Sarebbe possibile averne?

    Grazie

  8. karin gold

    Anch’io li vorrei x favore. Come faccio x essere sicura siano veramente loro? Io ne ho bisogno x scopo medicinale. Grazie

  9. chiara

    Un saluto a tutte le lettrici.
    Spero di aiutarvi .
    Ho trovato un ottimo Te Tulsi sul sito Le Antiche Ricette dei Monaci al link http://www.leantichericettedeimonaci.it.
    E’ molto buono e profumato dal gusto delicato, lo bevo senza zucchero. Lo consiglio per le sue molteplici proprietà.
    Ringraziamo la Natura che ci ha donato il Tulsi.

  10. Vito

    Sono interessato ai semi

Lascia un commento

VeganOK TG News














Promiseland.it


VEGANOK S.R.L. SOCIETÁ BENEFIT
P.IVA 13693571005
tel. +39 063291366
fax +39 0692912710

Info

chi siamo
contattaci
condizioni d'uso
privacy e cookie policy
feed RSS feed rss

VeganOK Network

promiseland.it
veganblog.it
veganok.com
biodizionario.it

 

veganwiz.com
veganwiz.es
veganwiz.fr