Home » Sea Shepherd » Nessuna giustizia per l’orca Morgan

Nessuna giustizia per l’orca Morgan

news-140423-1-loro_parque-largeContinua la battaglia per liberare l’orca Morgan.

23 Aprile 2014

Attivisti, organizzazioni ed esperti di orche da anni combattono una appassionata battaglia per liberare Morgan, un esemplare di orca attualmente tenuto in cattività presso il Loro Parque sull’isola spagnola di Tenerife, la più grande e popolosa tra le sette isole delle Canarie. Oggi, una sentenza del Consiglio di Stato Olandese ha ridotto ulteriormente le probabilità di liberazione di questa disperata orca che una volta era libera di nuotare in mare, mentre adesso si ritrova costretta ad esibirsi per una folla di spettatori.

Morgan è stata ritrovata nel 2010, denutrita e quasi morta di fame, nel Mare di Wadden. Dopo essere stata portata al Delfinarium di Harderwijk, fu trasferita alla fine del 2011 al Loro Parque, su permesso del Ministro Olandese degli Affari Esteri. Il governo olandese ha dichiarato che questa era l’opzione migliore per Morgan e che non vi erano altre valide alternative, come ad esempio la sua liberazione in mare.

Poco dopo il suo arrivo al Loro Parque, Morgan veniva già sfruttata in giochi e spettacoli per il pubblico pagante del parco acquatico. Ancora una volta il settore della cattività ha dimostrato di non aver nulla a che fare con l’educazione, la conservazione ed il benessere degli animali, ma solo e soltanto con il profitto.
Gli acquari e i parchi acquatici sono collegati tra loro da una rete di menzogne e le loro grinfie si estendono su tutto il globo. Le altre orche presenti al Loro Parque sono di proprietà di SeaWorld.

Morgan è stata trasportata al Loro Parque per mezzo di un aereo della ULS Cargo Airlines, una compagnia che ha anche trasportato delfini catturati a Taiji. Ancora una volta, ritroviamo il legame tra la cattività ed il brutale massacro di delfini e piccoli cetacei che avviene a Taiji, in Giappone.

Oggi, dopo anni di procedimenti legali, il Consiglio Olandese ha deciso che il trasferimento di Morgan al Loro Parque è legittimo e che la sua liberazione non può essere considerata una “soluzione soddisfacente”, poiché il suo branco non è stata individuato, sottolineando che le orche fanno parte di una “rigida struttura sociale”. Questo può anche essere vero, ma Morgan sta attualmente vivendo al Loro Parque con un finto branco di orche che non è comunque il suo branco originario di appartenenza, assieme ad altri cetacei anch’essi prigionieri che hanno spesso aggredito e ferito Morgan. Questa non è certo la famiglia naturale di nessuno di questi cetacei. Il Consiglio ha dichiarato di non avere giurisdizione sulle condizioni di Morgan al Loro Parque o sugli incidenti intercorsi con gli altri cetacei, ma solo sulla legittimità del trasferimento di Morgan al Loro Parque.

Per il momento Morgan resta prigioniera, come molti altri cetacei il cui mondo è stato ridotto ad una vasca di cemento. Come esemplare di femmina selvatica, Morgan è fonte di profitto e verrà costretta a riempire le tasche dell’industria della cattività come macchina da riproduzione. Dalla Baia dei massacri di Taiji a SeaWorld, dal Loro Parque agli acquari e parchi acquatici in tutto il mondo, l’industria della cattività non si fermerà davanti a niente pur di continuare a far soldi.

Foto: Wikimedia Commons

Per approfondimenti:

www.seashepherdglobal.org
www.seashepherd.org.au
www.facebook.com/seashepherditalia

Copyright © Promiseland.it All rights reserved

Puoi seguire tutti i commenti di questo articolo via RSS 2.0.

2 Commenti per “Nessuna giustizia per l’orca Morgan”

  1. madda

    ciao. E mai una volta che dagli spagnoli venga qualcosa di buono …

  2. Laura Falco

    Ho fatta mia una frase di Totò: “più conosco gli uomini e più apprezzo gli animali”. Comunque spero che a forza di battagliare si ottenga la libertà per Morgan e, in un futuro speriamo pure che non ci saranno più animali sacrificati per qualsivoglia tornaconto. Bello sarebbe che sempre più persone si avvicinino ad una dieta vegana…

Lascia un commento














Promiseland.it


© NRG30 S.r.l.
P.IVA 06741431008
tel. +39 0636491957
fax +39 0636491958

Info

chi siamo
contattaci
feed RSS feed rss

Show Biz Network

ziogiorgio.it
zioforum.it
ziomusic.it
integrationmag.it

 

ziogiorgio.com
ziogiorgio.de
ziogiorgio.es
ziogiorgio.fr

 

lightsoundjournal.com
musicusata.it

VeganOK Network

promiseland.it
veganfest.it
veganok.com
veganok.tv
biodizionario.it

 

veganblog.it
veganwiz.fr
veganwiz.es
veganwiz.com