Perchè i Vegani non bevono il Latte

cover latte
In un momento in cui alla televisione si parla tanto (e purtroppo, pare, solo per far polemica) dell’argomento. Ci teniamo a far chiarezza su alcune delle motivazioni etiche che portano sempre più persone a cambiare alimentazione e stile di vita a favore di una scelta vegan.
Partendo da uno dei primi due alimenti esclusi dalla propria dieta quando si sceglie di diventare vegani, cercheremo di spiegare a grandi linee quali sono gli effetti, sugli animali, del consumo dei loro prodotti.
 
“Ma nemmeno il latte?”
Per i vegani la risposta è NO
Una volta capiti i meccanismi di produzione del latte vaccino, è davvero difficile rimanere impassibili e continuare a berlo o consumarne i derivati.
Per produrre il latte a noi destinato, le mucche hanno bisogno di rimanere incinte. Il tutto avviene senza alcun rispetto della loro natura.
Dall’età di due anni, esse infatti vengono periodicamente inseminate con metodi artificiali.
Una volta portate a termine le gravidanze, i vitellini sono strappati immediatamente dalle madri (provocando in entrambi un grande trauma) e rinchiusi in piccoli box affinché non ne bevano il latte.
vitelli
Se il vitellino è maschio la sua vita sarà breve. Passerà quei pochi mesi solo e senza potersi muovere per mantenere la sua carne tenera, come piace ai consumatori.
Se nasce una femmina, il suo destino sarà quello della madre: dovrà produrre una quantità di latte pari circa a dieci volte quella che sarebbe stata necessaria ai suoi piccoli, fino a quando, sfinita, (a sei- sette anni circa) verrà trascinata al mattatoio ormai improduttiva.
In natura avrebbe potuto vivere anche più di vent’anni.
Le alternative esistono per fortuna e sono tantissime. Oggi si può benissimo continuare a vivere senza finanziare lo sfruttamento e la morte di altre creature innocenti scegliendo di consumare latte e derivati di origine vegetale.
volantino latte
 
Per scaricare il volantino ed approfondire le motivazioni della scelta etica Vegan:
www.assovegan.it/materiale-divulgativo/
 
Per scoprire tante e meravigliose ricette Vegan:
www.veganblog.it
 
www.assovegan.it
[email protected]
 
www.promiseland.it

  1. Quella è la prassi degli allevamenti intensivi..Peró in italia e penso anche altrove esistono tanti allevamenti tradizionali. Dove la mucca viene ingravidata dal toro in modo naturale al sopraggiungere del calore. E il vitello rimane con la madre fino allo svezzamento spontaneo.. il latte munto dal fattore sarà quello restante dai pasti del vitello..

    Reply
    • Certo è che alla fine anche gli allevatori che operano nel modo “più naturale possibile” manderanno i loro animali al macello. Ecco perchè un vegano non consuma i derivati animali, perchè significa comunque contribuire ed essere mandanti dell’uccisione di altre creature innocenti.

      Reply
  2. Luigi De Benedictis 15 aprile 2016, 10:39 pm

    il vitello e’ un sottoprodotto della produzione del latte . Non nascerebbe neanche se non fosse che per la volonta’ umana di rapinare il latte alla mamma

    Reply
    • Se lo vitello non nasce la mucca e il toro sarebbero scomparsi prima che l’uomo li alleva sarà quindi se mi permetti é un po’ estrema la tua affermazione. Tuttavia mi ha fatto pensare… Ma se oggi diventiamo tutti vegani succede un bel caos… Le mucche diventano economicamente inutili e quindi soppresse. In pratica scomparirebbero.

      Reply
  3. sono con voi ma come ci nutriremo in futuro con l’acqua e con dite voi grazie

    Reply
    • la consuetudine non rappresenta mai una verità, è semplicemente un metodo; il fatto che ci siamo serviti del latte vaccino fino adesso non significa che sia corretto continuare a farlo. Infatti è possibile nutrirsi con alimenti vegetali che non prevedono lo sfruttamento animale e che sono validi dal punto di vista nutrizionale. Del latte, non abbiamo davvero bisogno: non siamo vitelli. In commercio esistono molte bevante a base vegetale che possono soddisfare anche la consuetudine del bicchiere di latte (magari quello del mattino!): farro, avena, soia, anacardi, riso, sorgo, canapa, mandorla, orzo, cocco, arachidi, noci, nocciole…. ecc. ecc. la lista è lunga! Non resta che provare!

      Reply
  4. Però anche voi vegani i primi mesi di vita vi siete sbevazzati il latte….quindi quando fa comodo va bene tutto…quando vi nascerá un bimbo dategli il succo di zucchini da bere e poi vediamo

    Reply

Lascia un commento

L'indirizzo email non verrà pubblicato.

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

Vai alla barra degli strumenti