Home » Diritti Animali » Quando finisce un amore: il cigno impazzisce di dolore dopo l’uccisione della compagna

Quando finisce un amore: il cigno impazzisce di dolore dopo l’uccisione della compagna

CONDIVIDI


Un recente fatto di cronaca che è avvenuto a Vittorio Veneto in provincia di Treviso ha indignato l’opinione pubblica e questa volta non si tratta di stragi o rapine, ma dell’uccisione di una femmina di cigno a colpi di pietra, morte che ha interrotto per sempre una bellissima storia d’amore.

CIGNI

Da decenni il laghetto dei giardini pubblici di fronte al Municipio è stato regolarmente abitato da un coppia di cigni. Passanti e bambini si fermavano incantati a osservarli mentre si tuffavano e nuotavano affiancati come se danzassero a pelo d’acqua.

La scorsa notte un umano vile e assassino ha teso un agguato alla femmina del cigno lapidandola: l’animale è stato trovato agonizzante dai giardinieri e, trasportata nelle serre è morta subito dopo. Il maschio è stato notato vagare per le strade alla ricerca della compagna. Da socievole e mansueto è diventato aggressivo: è impazzito dal dolore e i veterinari lo hanno portato a sua volta nelle serre, dove era stata ricoverata la compagna, per prestargli delle cure e tenerlo sotto osservazione.

Una storia molto triste che ha visto per l’ennesima volta un crimine da parte dell’uomo verso un animale indifeso, un reato che in questo caso ha interrotto la vita di due creature, che affiatate si facevano compagnia ed erano legate una all’altra a testimonianza del fatto che siamo tutti animali e che sotto la nostra pelle, le loro piume, i peli e le squame ci sono sempre degli esseri capaci di sentire, c’è intelligenza, consapevolezza, senso delle relazioni e soprattutto un sacrosanto diritto alla vita.

Il Primo Cittadino di Vittorio Veneto, Roberto Tonon ha dichiarato ai quotidiani di voler individuare il colpevole grazie alle telecamere della zona.
Non è la prima volta nel corso degli anni che qualcuno uccide a sassate uno dei cigni del laghetto. Con gli animali non si gioca al tiro al bersaglio. Se l’amministrazione comunale vorrà reintrodurre altri cigni dovrà provvedere a tutelarne l’incolumità. Gli animali non si possono ridurre ad abbellimenti o arredi da sostituire con disivoltura in caso di morte per mano dell’uomo: sono capaci di amore e il dolore del cigno innamorato lo dimostra fin troppo bene.

Fonte: www.promiseland.it

CONDIVIDI


Puoi seguire tutti i commenti di questo articolo via RSS 2.0.

2 Commenti per “Quando finisce un amore: il cigno impazzisce di dolore dopo l’uccisione della compagna”

  1. Paola Re

    Il Sindaco Tonon, che fa tanto il paladino della tutela animali, farebbe bene a prendere posizione contro la crudele fiera ornitologico-venatoria che si svolge nel suo Comune (quest’anno il 14 Maggio). E magari potrebbe rispondere alla proteste contro la fiera. Anche quelli sono uccelli come il cigno ma si vede che difendere il cigno gli dà più visibilità e difendere i cacciatori gli porta voti.

  2. Gina

    L’’amore è una grande forza, un energia talmente potente ,istintiva e irrazionale, che riesce a dare un senso profondo alla vita,anche a quella di un meraviglioso cigno,che e’ impazzito di dolore per la perdita della sua compagna .
    I malvagi purtroppo non conosceranno mai questa grande forza ,perche’ il loro cuore vivra’ sempre in una nera prigione

    Visionare le telecamere e trovare il colpevole e’ un assoluta priorita’Sindaco.

Lascia un commento

VeganOK TG News














Promiseland.it


VEGANOK S.R.L. SOCIETÁ BENEFIT
P.IVA 13693571005
tel. +39 063291366
fax +39 0692912710

Info

chi siamo
contattaci
condizioni d'uso
privacy e cookie policy
feed RSS feed rss

VeganOK Network

promiseland.it
veganblog.it
veganok.com
biodizionario.it

 

veganwiz.com
veganwiz.es
veganwiz.fr