Zoo e Bioparchi negativi per gli animali

RICHIESTA DI RETTIFICA ZOO E BIOPARCHI NEGATIVI PER GLI ANIMALI
FACCIAMO CHIAREZZA SU UN TEMA SPESSO OGGETTO DI DISINFORMAZIONE
In  riferimento  all’articolo  pubblicato  da  La  Stampa  del  28  dicembre  2017  di  Fabrizio
Assandri  “Una  cuccia  invernale  per  giraffe  e  lemuri”  inerente  al  bioparco  “Zoom”  di
Cumiana (TO),  vorremmo rendere note le precisazioni e rettifiche del Garante per i Diritti
degli  Animali  della  Regione  Piemonte  Enrico  Moriconi  in  quanto  riteniamo  importante
fornire dei dati precisi su un tema che è spesso oggetto di disinformazione.
Dalla lettera del Garante regionale per i Diritti degli Animali riportiamo:
“Da  tempo  le  ricerche  scientifiche  hanno  dimostrato  le  notevoli  negatività  indotte  dalle
strutture quali zoo o bioparchi che dir si voglia. In linea generale tutte si riconducono al
fatto  di  tener  rinchiusi  animali  che  in  natura  colonizzano  territori  ampi  e  che  quindi
soffrono  l’impossibilità  di  soddisfare  bisogni  etologici  insopprimibili  quali  l’esplorazione
del territorio, la ricerca dei partner, la realizzazione di rapporti interspecifici con individui
diversi e non con il o i compagni sempre uguali.”
Il Garante prosegue: “Nell’articolo si allude al fatto che si tratterebbe di soggetti abituati
alla cattività; però non è esatto in quanto pochi decenni di addomesticamento, se pure tale
fosse il periodo, non cambiano le esigenze etologiche e fisiologiche che sono ereditarie e
iscritte nel dna di ogni animale.”… “Il confinamento di specie a rischio non porta vantaggi
anzi sottrae alla natura del patrimonio genetico, effetto anche più grave se si considera che
le ricerche hanno dimostrato che gli animali in cattività vivono meno di quelli liberi.”
Riteniamo  che  sul  tema  “zoo  e  bioparchi”  sia  necessario  fare chiarezza per evitare che a
causa della disinformazione e della mancanza di dati oggettivi si possa ingenerare la falsa
idea che tali strutture di detenzione possano salvare gli animali da sofferenza ed estinzione.
Ribadiamo pertanto la nostra posizione contraria a qualsiasi luogo di detenzione per esseri
senzienti e di sfruttamento degli animali.
Rosalba Nattero
Presidente SOS Gaia

Lascia un commento

L'indirizzo email non verrà pubblicato.

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

Vai alla barra degli strumenti