Roma: stop botticelle con i cavalli. Varato il regolamento.

Era il 2009 quando si cominciava a parlare di botticelle elettriche nella capitale sulla spinta di molte proteste, manifestazioni e campagne da parte di associazioni a difesa dei diritti degli animali.Quali novità da Roma?

Finalmente è stato varato il regolamento per le botticelle, i calessi trainati da cavalli. Roma fa un passo nel futuro e mette in campo nuove regole che andranno a modificare il servizio e a tutelare i cavalli. Il regolamento ora prosegue l’iter amministrativo per l’approvazione finale in Assemblea di Roma Capitale.
L’assessore alla Sostenibilità ambientale Pinuccia Montanari dichiara “Nessun passo indietro sul regolamento per le botticelle: toglieremo i cavalli dalle strade, migliorando sensibilmente il loro benessere. Non vogliamo più assistere a veri e propri episodi di sfruttamento. All’interno dei parchi e delle ville storiche sono stati definiti dei percorsi dolci idonei al transito delle botticelle nel rispetto della normativa vigente e della tutela degli animali”
Il nuovo regolamento prevede che le le botticelle siano elettriche e fornisce una possibilità di conversione ai proprietari.
“Ai gestori delle botticelle si dà la possibilità di dismettere la propria attività trasformandola gratuitamente in una licenza taxi oppure acquisendo una botticella elettrica. Il regolamento non solo tutela gli animali, ma definisce un quadro certo di regole, precisa Linda Meleo assessore alla Città in Movimento.
I vetturini protestano e accusano la giunta Raggi di far sparire una importante tradizione.
Un retaggio che può lasciar cadere in errore, in una visione romantica e poco realista di un sistema di trasporto che in realtà cela la tragedia dei cavalli costretti a trasportare i turisti nei vari angoli di Roma sotto il sole cocente estivo per ore ed ore, a volte fino alla morte.
La tradizione quindi cede il passo ad un sistema di spostamento più evoluto, più efficiente che tiene in considerazione il benessere dei cavalli e ascolta la voce dei cittadini che chiedono maggiore sensibilità su questa tematica.
Fonte: www.promiseland.it
 
 
 
 
 

  1. E ANDIAMOOO!!!! era ora, i vetturini dovranno per forza accettare, oppure se ne vanno a zappare la terra.
    Ttradizione?? ma quale quella di sfruttare fino alla morte quei poveri cavalli!! Roma non ha bisogno di botticelle, ma di civilta!!

    Reply
  2. Era ora .!!!!
    Le tradizioni devono sempre essere rapportate e inserite nel contesto sociale e storico in cui si vive.
    Oggi nel 2018 e’ davvero impensabile e inaccettabile che dei cavalli,magari anche anziani e stanchi, debbano trainare le botticelle con relativi pesi umani a bordo nel traffico assordante di Roma ,tra rumorosi clacson mentre d’estate incombe una temperatura africana ….!!!

    Reply
  3. Era ora .!!!!
    Le tradizioni devono sempre essere rapportate e inserite nel contesto sociale e storico in cui si vive.
    Oggi nel 2018 e’ davvero impensabile e inaccettabile che dei cavalli,magari anche anziani e stanchi, debbano trainare le botticelle con relativi pesi umani a bordo, nel traffico assordante di Roma ,tra rumorosi clacson,il tutto mentre d’estate incombe una temperatura africana ….!!!

    Reply

Lascia un commento

L'indirizzo email non verrà pubblicato.

This site uses Akismet to reduce spam. Learn how your comment data is processed.

Vai alla barra degli strumenti