Oasi Verde Mearas a Pescara, un angolo di pace e speranza per gli animali: il servizio di VEGANOK TV

In Abruzzo a Città S. Angelo in Contrada Vertonica, c’è un posto speciale: è l’Oasi Verde Mearas, una fattoria vegan dove gli animali, reduci da abusi e violenze, possono ricominciare a vivere, nata dall’impegno e dalla dedizione di Paola Canonico.

Esiste un luogo dove, tra verdi colline di ulivi, degli animali possono vivere liberi, senza essere sfruttati in alcun modo, ristorarsi dopo anni di maltrattamenti e conoscere l’amore che l’uomo per tanto tempo gli ha negato. Esiste un luogo di pace, dove passare un pomeriggio di relax accarezzando le caprette o dando da mangiare ai cavalli. Esiste infine una fattoria vegan che organizza laboratori e campi estivi per bambini, ed esiste anche una location suggestiva dove gustare pranzi vegan, ma anche organizzare matrimoni e cerimonie all’insegna dell’amore per gli animali. Tutto questo è l’Oasi Verde Mearas, fattoria vegan e santuario per animali, adagiata tra le colline pescaresi con 5 ettari di terreno dedicati agli animali e all’orto, nata dall’idea e dall’empatia di Paola Canonico. Laureata in Sociologia delle Relazioni Internazionali, Paola è responsabile, sezione equidi, per la Lega Nazionale per La Difesa del Cane, oltre che guardia zoofila, vegetariana dall’età di 13 anni, e da 4 anni abbraccia la scelta vegana. Paola ha raccontato alle telecamere di VEGANOK.TV la storia di questo magnifico luogo.

I veri “padroni” di questo stupendo luogo sono gli animali ospiti della fattoria, tutti reduci da orribili esperienze: allevamenti lager, condizioni di vita terribili, vittime di abusi o sequestri, animali senza casa. Nella splendida cornice naturale del suggestivo territorio dell’oasi si possono incontrare maiali, cavalli, capre, asini, tacchini, galline, pecore, agnelli, oche, gatti e cani, e far conoscenza con questi magnifici animali non più “da reddito”, ma splendidi esemplari da amare per quello che sono.

 

L’oasi Mereas è un luogo sereno e magico, dove poter “ricaricare le pile” quando lo stress di città e la sua quotidiana mancanza di empatia si fanno sentire, dove poter respirare a pieni polmoni e riavvicinarsi a una natura amica, tra gli animali, l’orto curato da Paola e le leccornie vegan da lei preparate.

“Questa, più che una fattoria”, spiega, “vuole essere un Santuario per Animali. Tutti gli ospiti che vivono qui e che accudisco, sono stati recuperati da luoghi orribili dove sopravvivevano in condizioni di estrema sofferenza: allevamenti “lager”, galoppatoi gestiti spesso in maniera illegale. Collaborando con le associazioni animaliste si combatte affinché, attraverso l’intervento della Magistratura, gli animali abbiano un’esistenza libera e venga loro riconosciuto il diritto alla vita, alle premure e all’affetto”.

Qui il servizio di VEGANOK.TV

 

Lascia un commento

L'indirizzo email non verrà pubblicato.

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

Vai alla barra degli strumenti