Il corso di cucina vegetale di Boris Scafati al Gambero Rosso: un successo VEGANOK

Qual’è il futuro dell’enogastronomia e delle cucina d’autore? Di sicuro non possiamo sbilanciarci se sarà un ritorno alle antiche tradizioni, o se si sperimenteranno nuovi cibi ottenuti anche con le nuove tecnologie, se prevarranno i sapori semplici e genuini o quelli esotici e raffinati: di sicuro sappiamo che il futuro della ristorazione è vegan ed è sempre più verde. Per questo è sempre più importante puntare su una buona formazione professionale, che “tiri fuori” cuochi in gamba, capaci di creare un menu vegan anche quando pare che non ci sia alcuna alternativa vegetale, e con un buon grado di empatia, che li aiuti a capire il significato di restrizioni della dieta per motivi etici, di salute o di altro genere.

E per questo la VEGANOK Academy realizza tutti i mesi dei corsi ad ingresso aperto per tutti quei cittadini che vorrebbero avvicinarsi alla cucina vegetale ma ancora ne sono al di fuori. Di questi, si è appena concluso il corso di Boris Scafati a Roma dove hanno preso appunti 6 futuri professionisti della ristorazione .

Le pietanze che sono state realizzate insieme alla classe e i temi che sono stati toccati dal corso sono stati: un antipasto con un cruditè di zucchine marinate con crema di anacardi, olive taggiasche e  pomodorini, passando per un primo piatto di pasta fresca fatta al momento+, cappellacci di tofu e spinaci in salsa fresca di pomodoro. Come secondo piatto gli ho insegnato un hamburger di ceci , zucchine e peperoni con una maionese di prezzemolo e cialda crossante , per finire un dolce alle due creme , vaniglia e cioccolato con meringa, crumble di cacao e frutti di bosco. I ragazzi sono rimasti stupiti per la bontà delle pietanze, a fine corso erano molto soddisfatti e felici di aver imparato nuove tecniche da por fruttare nella loro futura carriera da cuochi. 
Ormai al Gambero rosso la fama della cucina vegan di Scafati sta spopolando sempre di più, ad ogni corso entrano nuovi chef ad assaggiare, le meringhe alla Città del Gusto passano da una cucina all’altra, arrivando fino alla redazione! In poche parole: n’altra fantastica occasione per imparare dai maestri della VEGANOK Academy, sia che si tratti di un corso di cucina professionale, che invece di un corso aperto a tutti.
Seguite a questo link i prossimi corsi di Boris Scafati presso Il Gambero Rosso e…non mancate!
  1. Giulia Volpini 29 luglio 2018, 7:36 am

    Ottimo finalmente questa volta riuscirò ad partecipare al corso, l’anno scorso non mi trovato a casa x motivo di lavoro e ho dovuto rinunciare, ma ora sono tornata!

    Reply
  2. Ragazzi! Che meraviglia !
    Compimenti allo chef vegan Boris , a chi ha partecipato per imparare s soddisfare il palato di chi sceglie il cibo naturale e vegan … e al Gambero Rosso che ha sposato l’idea di aprirsi alla cucina vegan.
    Questo progetto VEGANOK Academy vedo che sta aiutando molto !
    Ho visto che avete fatto persino un corso in Sicilia !!
    Bravi
    Io sono di Parma e non vi dico nulla di ciò che qui viene promosso come “ cibo” e cibo non è.
    Le foto sono molto belle .

    Reply
  3. Bravo il nostro Boris !
    Io ho puntato su di lui già tre anni fa e sapevo di non sbagliare !

    Reply
  4. Dove posso Reperire informazioni sui corsi della Veganok Academy?

    Reply
  5. Mi ricordo fino a qualche anno fa era pressoché impossibile trovare un corso di cucina Vegan…. ora la cucina veg è arrivata anche al gambero rosso! Fantastico!

    Reply
  6. Per iscriversi?

    Reply
  7. Boris! Fantastico!

    Reply
  8. spero possiate fare i corsi della VEGANOK Academy anche a Milano, vorrei partecipare perché siete tutti chef vegani!

    Reply
  9. Il gambero rosso che fa corsi di cucina dove si insegna a uccidere animali per cucinarli?

    Reply
  10. Francesca Di Martino 1 agosto 2018, 10:44 am

    Io sono disoccupata e ho fatto l’alberghiero. Da tempo vorrei approfondire la mia conoscenza della cucina vegana facendo un corso professionale. Tempo fa vi mandai una mail chiedendo se ci sono convenzioni con POR-FSE per poter realizzare il corso gratuitamente nell’ambito delle iniziative di formazione offerte per disoccupati; perché ovviamente una persona disoccupata non può permettersi di pagare un corso anche se fossero 100 euro. Non ho mai avuto risposta. Nel frattempo, vi leggo, aspetto e spero. Un saluto.

    Reply

Lascia un commento

L'indirizzo email non verrà pubblicato.

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

Vai alla barra degli strumenti