Auguri a tutte le Mamme del mondo!

Come ha avuto inizio questa festività e perché si celebra una giornata dedicata alle madri? Scopriamolo insieme, ma nel farlo diamo omaggio alle madri tutte del mondo e cuciniamo una super torta fatta con il cuore!

La Festa della Mamma veniva festeggiata l’8 maggio, dal 2000 le cose son cambiate e ora viene festeggiata la seconda domenica di Maggio, un po’ come per la Pasqua.

Quali sono le origini di questa ricorrenza e come possiamo vivere questo giorno speciale riflettendo sulla vita, il dare la vita e alla vita una creatura, e diventare così Madre?

A parlare della Festa della Mamma per la prima volta nel maggio del 1870 fu Julia Ward Howe, attivista pacifista e abolizionista, che propose di fatto l’istituzione del Mother’s Day for Peace (Giornata della madre per la pace), come momento di riflessione contro la guerra. Tuttavia la sua idea non fu accolta. Fu invece Anna Jarvis a celebrare per la prima volta la festa moderna Mother’s Day (giornata della madre) nel 1908 per ricordare la mamma, un’attivista che lottava per la pace. I sostenitori della Jarvis proposero a ministri e uomini d’affari di trasformare la festa in una giornata nazionale da ricordare ogni anno, e già dal 1911 l’usanza si era diffusa in quasi tutti gli Stati americani. Nel 1914, il Presidente degli Stati Uniti Woodrow Wilson ufficializzò la festa come festività nazionale e da allora si diffuse l’usanza di regalare rose rosa alle mamme.

E in Italia?

In Italia è stato il senatore Raul Zaccari ad inaugurarla per la prima volta nel 1956 a Bordighiera, e stabilì di festeggiarla la seconda domenica di maggio. L’anno successivo don Otello Migliosi la trasportò in Umbria e l’associò alla figura della vergine Maria, madre di Gesù. Nel 1958 diventa una festa civile a tutti gli effetti, quando lo stesso Zaccari presenta un disegno di legge al Senato per festeggiarla ogni anno in tutte le famiglie italiane. Inizialmente la data era fissa e per circa quarant’anni cadde sempre l’otto maggio; solo a partire dal 2000 è diventata gradualmente una festa mobile, celebrata la seconda domenica di maggio come in tanti altri paesi del mondo.

La “Madre”: una storia tanto antica!

La Festa della Mamma ha però delle origini molto più remote. Nelle tradizioni più antiche la festa della mamma era simbolo di un passaggio dal freddo invernale alla vita primaverile in cui tutto rinasce. E in quasi tutte le civiltà del passato c’è la presenza di una Grande Madre, divinità femminile venerata in quanto portatrice di vita. Per i Greci era la dea Rea, madre di tutti gli dei, per i romani Cibele.

Una Festa tante date!

La Festa della Mamma è celebrata la seconda domenica di maggio anche in Svizzera, Stati Uniti, Brasile, Belgio, Giappone, Germania, Australia, Danimarca e molti altri paesi. A San Marino si festeggia il 15 marzo. In Norvegia si festeggia nella seconda domenica di febbraio, in Francia nell’ultima domenica di maggio o nella prima di giugno. In Gran Bretagna durante la quarta domenica di quaresima (tra il primo marzo e il quattro aprile). In Israele si celebra il 30 Shevat che solitamente coincide con febbraio nel calendario gregoriano. In Bielorussia la data fissata è il 14 ottobre, 22 dicembre in Indonesia e il 12 agosto in Thailandia con rituali e usanze spesso molto diverse.

AUGURI ALLA MADRE di ogni genere e specie…

Dopo i cenni storici vogliamo con voi, come siamo soliti fare in ogni altra occasione di festa, cogliere il significato profondo delle cose e riportarlo sulla questione animale. La Festa della Mamma ha origine in memoria di una Donna che ha lottato per la Pace. Ci siamo mai chiesti quanto combattono le Donne/Madri abusate, violentate, ingravidate a forza, per partorire figli che gli saranno strappati, per rubarle il latte o la stessa carne del piccolo?

Vitellino alimentato artificialmente perché il latte della madre è destinato all’industria lattiero-casearia. A lui è destinato solo una parte corretta con ingredienti vari per farlo crescere in fretta, per farne carne da mettere sulle tavole di chi forse non si renderà conto che festeggia la festa della mamma con il figlio di un’altra madre sul piatto.

È questo il mondo che vogliamo?

Parlo delle Madri Animali: mucche, maiali, galline, cani, gatti, ma anche tantissime bestie che non hanno pace per una qualche ragione. Allevamento, deforestazione, mercati illegali, ecc…

Un mondo dove c’è chi può tenere stretto a se il proprio piccolo e chi invece non può per povertà o per tradizioni?

Un mondo dove gli viene strappato via per farne carne tenera?

Un mondo dove le Madri Umane non sanno immedesimarsi nella Madri Animali? Come puoi essere Madre se non sai guardare oltre le apparenze?

È ora di chiedere un cambiamento a noi stesse!

Se non ti viene facile fare una riflessione così intima, difficile, perché mette in dubbio tutto ciò su cui hai creduto normale sino ad ora, scrivici qui sotto e raccontaci la tua storia ne parliamo insieme, attraverso il confronto si cresce e nuove visioni di vita possono aprire nuove opportunità di Amore!

Intanto prova a immedesimarti nelle madri alle quali è stato privato il diritto di essere tali perché erano considerate macchine produttive o direttamente carne da macello, ma nel farlo ti sosteniamo con una dolce idea direttamente da Veganblog.it:

Vegan-cake per le mamme

Ingredienti per la base:
200 g di biscotti vegan secchi (senza olio di palma)
50 g di olio di semi di girasole
20 g di acqua alla cannella

Ingredienti per la crema:
1 confezione di tofu (250 g)
2 lattine di crema di cocco (solo crema)
4 g di agar-agar
6 C di cocco disidratato
100 g di zucchero di canna integrale

Ingredienti per gelatina e decorazione:
fragole frullate (e intere)
4 g di agar agar
3 C di zucchero di canna

Procedimento qui!

AUGURI A TUTTE LE MAMME, senza dimenticare quelle DONNE che anche se non lo sono mai state per scelta o per natura, sono capaci di amare la vita e diffonderne una cultura del rispetto senza mai risparmiarsi, perché la Mamma altro non è che una Donna che M’AMA, AMA!

 

  1. Il migliore augurio a tutte le Mamme Animali che possano godersi questo giorno insieme ai propri piccoli..

    Reply

Lascia un commento

L'indirizzo email non verrà pubblicato.

This site uses Akismet to reduce spam. Learn how your comment data is processed.

Skip to toolbar