Programma “Latte nelle scuole”: la risposta del Comitato Scientifico AssoVegan

Il comitato scientifico di AssoVegan risponde a proposito del programma nazionale “Latte nelle scuole”.

Il programma “Latte nelle scuole” è un’iniziativa finanziata dall’Unione Europea e realizzata dal Ministero delle politiche agricole alimentari e forestali, cui hanno aderito alcune scuole ed istituti comprensivi definita dagli organizzatori  – “una campagna di educazione alimentare al consumo di latte e prodotti lattiero caseari destinata agli allievi delle scuole primarie, per insegnar loro ad inserire questi prodotti nella alimentazione quotidiana, conservandone poi l’abitudine per tutta la vita”. Questo attraverso incontri formativi nelle scuole e con i genitori e attraverso la distribuzione gratuita di prodotti latto-caseari nelle scuole.

Questa è la risposta e il commento del  Comitato Scientifico di Associazione Vegani Italiani Onlusper mano del Dott. Lorenzo Ferrante.

“Il latte di nostra mamma è importante, naturale, genuino, prezioso, diffidare delle sostituzioni!
Leggiamo di questa iniziativa anzi, di questo programma chiamato “latte nelle scuole”. Già in passato sono state proposte simili iniziative, a nostro parere affatto educative, anzi nocive per la salute dei nostri ragazzi. Come al solito usano una comunicazione delicata con voce suadente e tranquillizzante che magnifica il latte come primo amore. E come non essere d’accordo? Il problema è che il latte “nostro primo amore”, è quello di nostra mamma non certo quello della mamma di un altro cucciolo al quale, tra l’altro, viene tolto“.

Come persone e cittadini speriamo sempre che i nostri governanti la smettano di andare in cerca di consensi e gli imprenditori di profitti percorrendo sentieri di false verità anche dal punto di vista scientifico.

In questo video pubblicato su VEGANOK.TV il dott. Vasco Merciadri, medico e membro del comitato scientifico AssoVegan, spiega l’effetto dell’uso di latte sull’organismo e in particolare per le ossa, sfatando miti e luoghi comuni con una corretta informazione scientifica, mostrando alcune tra le varie caratteristiche nocive del latte non umano per i bambini, realizzata all’interno della trasmissione “VEGANOK Alimentiamo la salute” a cura di Massimiliano Diaco.

Comitato Scientifico Associazione Vegani Italiani Onlus – AssoVegan , per voce del coordinatore  Dott. Lorenzo Ferrante

Di seguito approfondimenti scientifici da consultare sul tema:

– Lamb MM et al.  The effect of childhood cow’s milk intake and HLA-DR genotype on risk of islet autoimmunity and type 1 diabetes: the Diabetes Autoimmunity Study in the Young. Pediatr Diabetes. 2015, 16(1):31-8
– Melnik. Evidence for Acne-Promoting Effects of Milk and Other Insulinotropic Dairy Products. Nestle Nutrit workshop. Series. 2011. 67:131-45.
-Melnik. Milk – the promoter of chronic Western diseases. Med Hypoth 2009, 72(6):631-9.
– Luopajärvi k et al. Enhanced levels of cow’s milk antibodies in infancy in children who develop type 1 diabetes later in childhood. Pediatr Diabetes. 2008, 9(5): 434–441.
-Adebamowo et al. Milk consumption and acne in teenaged boys. J. Am. Acad. Dermatol 2008, 58(5):787-93.
– Kamiński, S., Cieślińska, A. and Kostyra, E. Polymorphism of bovine beta-casein and its potential effect on human health. J. Appl. Genet, 2007, 48(3):189–198.
– Karlsson MG, Ludvigsson J. The ABBOS-peptide from bovine serum albumin causes an IFN-gamma and IL-4 mRNA response in lymphocytes from children with recent onset of type 1 diabetes. Diabetes Res Clin Pract. 2000, 47(3):199-207
– Karjalainen J. et al. A Bovine Albumin Peptide as a Possible Trigger of Insulin-Dependent Diabetes Mellitus. N Engl J Med. 1992, 30;327(5):302-7.
  1. “una campagna di educazione alimentare al consumo di latte e prodotti lattiero caseari destinata agli allievi delle scuole primarie, per insegnar loro ad inserire questi prodotti nella alimentazione quotidiana, conservandone poi l’abitudine per tutta la vita”

    In effetti trovo che queste parole siano agghiaccianti, però io resto sempre dell’idea che se volete far conoscere alle persone gli effetti negativi del latte e dei latticini dovete presentare loro SOLO studi compiuti da parte di non vegani, così non verrà messa in dubbio la loro attendibilità e imparzialità.

    Reply
  2. Beh, in realtà gli studi scientifici non sono compiuti da vegani o non vegani, ma da “scienziati”…
    Diciamo che la totalità degli studi accreditati concordano sulla pericolosità del latte di mucca in particolare in giovane età…

    Reply
  3. Smettere di consumare latte,!
    Quando diventando vegan , ho smesso di consumare derivati del latte e latte stesso , minè venuta una pelle nuova … scomparsi gli antiestetici brufoletti
    Quindi “ va de retro latte “!

    Reply
  4. I ragazzini di oggi saranno i clienti delle multinazionali farmaceutiche di domani: programmi di questo tipo sono aberranti ma perfettamente inseriti nel sistema in cui viviamo: un sistema che ci vuole deboli, malati e inconsapevoli.

    Reply
  5. definizione di vaccino (latte vaccino): vaccino Preparazione rivolta a indurre la produzione di anticorpi protettivi da parte dell’organismo, conferendo una resistenza specifica nei confronti di una determinata malattia infettiva (virale, batterica, protozoaria). In origine, il termine designava il vaiolo dei bovini (o vaiolo vaccino) e il pus ricavato dalle pustole del vaiolo bovino (pus vaccinico), impiegato per praticare l’immunizzazione attiva contro il vaiolo umano. Adesso siamo sempre della stessa idea riguardo al latte?

    Reply

Lascia un commento

L'indirizzo email non verrà pubblicato.

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

Vai alla barra degli strumenti