Shoah: Memoria e Ipocrisia

Il 27 gennaio, ogni anno il giorno della memoria. La memoria di chi ha sofferto, soffre e urla a gran voce “basta! La vita è un diritto di tutti, la libertà è un diritto di tutti gli esseri viventi, nessuno escluso”.

È nella parola “memoria” che abbiamo voluto trovare l’ispirazione per scrivere questo articolo. Che in verità non dirà nulla di nuovo, perché a volte le cose non cambiano e allora parole dette tanto tempo fa sono più che attuali. Quelle che seguiranno infatti sono le parole scritte già nel 2003 da Sauro Martella, fondatore di VEGANOK Network. E a seguire il video di Renata Balducci, presidente di Associazione Vegani Italiani Onlus (AssoVegan), che nel 2006 riproponeva attraverso una lettura le parole del marito.

Oggi come allora la redazione di Promiseland.it vuole ricordare che da sempre ci siamo occupati con attenzione e sensibilità di queste tematiche.

La Shoah (parola ebraica che significa catastrofe) è certamente l’evento più complesso e mostruoso avvenuto nel secolo scorso. Mantenerne la memoria, e attraverso questa, ricordare anche tutte le altre “Shoah” avvenute prima, dopo e ancora oggi è d’obbligo per l’unanimità.

Da un articolo di Sauro Martella pubblicato nel 2003.

“L’olocausto ci ha insegnato che non esistono popoli e razze che possano vantare una supremazia sugli altri e quando questo succede si chiama “crimine verso l’umanità”. Nonostante ciò, le stesse identiche nefandezze perpetrate ai danni del popolo che allora fu aggredito, come la carcerazione, l’uccisione, l’umiliazione, le torture, il terrore, l’annullamento di ogni forma di dignità ed anche la “sperimentazione scientifica” (che ovviamente di scientifico non aveva assolutamente niente), continuano tutt’oggi.

Nei vari servizi che in questi giorni è stato possibile vedere in televisione, ascoltare alla radio, leggere sui giornali ed in Internet, abbiamo potuto farci solo una piccola idea dello scempio e della violenza che fu possibile concepire.
Alcuni ci hanno raccontato di come la vita stessa avesse perso ogni valore e fosse completamente in mano ad assassini e criminali che in quel momento avevano il potere.

Per un soldato tedesco, a volte era un passatempo uccidere più persone con un’unica pallottola semplicemente avvicinando le teste delle sue vittime, così, solo per vedere quanti ne potevano morire insieme.

La dignità di ogni persona veniva annullata e spesso si costringevano i figli a torturare ed uccidere i proprio padri e viceversa.

Un “medico” al lavoro in un campo di concentramento poteva dilettarsi a “sperimentare” le proprie curiosità su uomini, donne, anziani e bambini. A volte coppie di bambini gemelli venivano sottoposti a torture lunghe giorni per essere poi uccisi nello stesso istante e sezionati a fini “scientifici”. Altre volte bambini con occhi di diverso colore venivano torturati con iniezioni di colorante negli occhi, ovviamente sempre per motivi “scientifici”.

Possiamo purtroppo immaginare anche i livelli che avrà sicuramente toccato anche ogni forma di violenza sessuale verso donne e bambini.

L’odore di morte, sangue, merda, violenza e terrore ammorbava l’aria del posto in cui sono rimasti abbandonati interi popoli.

Ci saremo spesso domandati come fosse stato possibile tutto ciò… e la nostra pena va non solo alle innocenti vittime dei popoli decimati, ma anche ai figli dei popoli che a quella barbarie hanno preso parte e che, pur incolpevoli, si troveranno a convivere con la vergogna ed il dolore di essere figli di una generazione di assassini criminali.

Proprio nella stessa condizione in cui probabilmente si troveranno i nostri figli, quando pensando a noi, non potranno fare a meno di domandarsi: “Ma come è stato possibile tutto ciò negli anni 2000? Ma nessuno sapeva niente?”.

Già, perché proprio questa è la disperazione che gli stiamo lasciando in eredità. La vergogna di avere dei padri criminali e vigliacchi. Come le famiglie che vivevano in Germania vicino ai campi di sterminio e che riuscivano a “non vedere” e come gli assassini ed i burocrati che hanno contribuito allo sterminio semplicemente “non vedendo” l’altrui dignità, anche noi dovremo subire lo stesso giudizio dai nostri figli per ciò che abbiamo commesso e per ciò che abbiamo fatto finta di “non vedere”.

Non abbiamo visto la tortura, l’uccisione e l’annullamento di ogni forma di dignità nei campi di sterminio che chiamiamo “mattatoi” ed in cui incarceriamo, torturiamo ed uccidiamo gli esseri non umani.
Non abbiamo visto l’inutile violenza della “sperimentazione scientifica” ai danni non di cuccioli d’uomo, ma di cuccioli di animali non umani che vengono torturati per giorni e poi uccisi.
Non abbiamo visto e sentito l’odore di morte, sangue, merda, violenza e terrore che ammorba l’aria dei “mattatoi”.
Non abbiamo visto uccidere e torturare per “passatempo” o per “sport”.
Non abbiamo visto niente di tutto questo… abbiamo preferito girarci dall’altra parte e continuare a prendere parte al banchetto di sangue e violenza.

Molto tempo fa… fu la volta dei popoli africani, furono rapiti e resi schiavi, furono uccisi, torturati ed umiliati.
Perché? …perché era giusto così, perché l’uomo bianco era un essere superiore ed aveva il diritto di imporsi sulla razza nera. Dicevano che Dio aveva disposto così.

Poi… fu anche la volta dei popoli Ebrei e degli Zingari, furono rapiti e resi schiavi, furono uccisi, torturati ed umiliati.
Perché? …perché era giusto così, perché la razza ariana era superiore ed aveva il diritto di imporsi sulla razza inferiore.
Dicevano che Dio aveva disposto così.

Ancora adesso… è il turno degli animali non umani, vengono rapiti e resi schiavi, vengono uccisi, torturati ed umiliati.
Perché? …perché è giusto così, perché l’animale umano è un essere superiore ed ha il diritto di imporsi sulla specie degli animali non umani.
Dicono che Dio ha disposto così.

Avanti con la danza… chi sarà il prossimo?

Un giorno forse prenderà il potere un gruppo di assassini che affermeranno a gran voce che tutti quelli con i capelli castani sono una razza inferiore e verranno rapiti e resi schiavi, verranno uccisi, torturati ed umiliati.
Perché? …perché è giusto così, perché l’uomo senza capelli castani è un essere superiore ed ha il diritto di imporsi sugli uomini con i capelli castani.
Diranno che Dio ha disposto così.

Quando potremo metter fine ai rapimenti, alle schiavitù, alle uccisioni, alle torture, alle umiliazioni? Quando riusciremo a vedere la sofferenza altrui? Quando smetteremo di giustificare la nostra vigliaccheria con un Dio che non c’è?
Più tardi sarà e più grande sarà la vergogna che i nostri figli dovranno sopportare.

Nel frattempo potremo continuare a contribuire nel nostro ruolo di “burocrati dell’olocausto” che pur rendendoci pienamente colpevoli, ci fa credere che la coscienza possa essere lavata a colpi di lacrimucce spremute davanti ad un documentario sulla Shoah in occasione di un’inutile ed arrogante commemorazione.

Diventare vegani è un atto doveroso verso gli esseri non umani, verso di noi, verso i nostri figli e verso l’intero genere umano, perché solo rispettando la vita in quanto tale si può allontanare un futuro di violenza e ignoranza. Ed è sicuramente questo il più degno modo di rendere omaggio a chi della violenza e dell’ignoranza ne è già stato vittima”.


 

Sono passati oltre dieci anni dalla stesura dell’articolo. In questo lungo periodo la sensibilità nei riguardi delle tematiche trattate è decisamente aumentata, la consapevolezza delle nostre decisioni ha inizato a farsi strada nei cuori e nelle menti di molti, lo spirito compassionevole è decisamente più diffuso.
Purtroppo però molta ignoranza, molta crudeltà gratuita e molta violenza resiste. Molti interessi veicolano ancora le barbarie compiute verso gli animali…
Un Dio che ha stabilito la superiorità dell’uomo sull’animale NON ESISTE!
Ma io credo in un Dio che ha dettato dei comandamenti… e tra questi il quinto: NON UCCIDERE!

Renata Balducci, presidente di AssoVegan, 2006

Il video di Renata Balducci che nel 2006 riproponeva le parole del marito e che allora usava la parola “vegetariani” perché era veramente poco o nulla conosciuta la parola “vegan” questo ci permette di fare una riflessione sul lavoro fatto da VEGANOK Network in questi anni per la diffusione della filosofia vegan.


 

Alle parole di Sauro e Renata vogliamo aggiungere le parole di chi ha vissuto l’olocausto sulla sua pelle e che ne fa un paragone (fastidioso per molti) con gli allevamenti di animali, i mattatoi, ecc…

Stiamo parlando di Edgar Kupfer-Koberwit e della traduzione di una sua lettera agli amici. Edgar passò nel campo di concentramento di Dachau crudeltà di ogni genere, mentre la morte ghermiva i prigionieri giorno dopo giorno…

“Animali Amici Miei”

“Caro amico,
mi chiedi perché non mangio carne e ti domandi per quale ragione mi comporto così. Forse pensi che ho fatto un voto o una penitenza che mi priva di tutti i piaceri gloriosi del mangiar carne.
Pensi a bistecche gustose, pesci saporiti, prosciutti profumati con salse e mille altre meraviglie che deliziano gli umani palati; certamente ricordi la delicatezza del pollo arrostito. Vedi, io rifiuto tutti questi piaceri e tu pensi che solamente una penitenza, o un voto solenne, o un grande sacrificio possa indurmi a negare questo modo di godere la vita e che mi costringa ad una rinuncia.

Sei sorpreso, chiedi: – Ma perché e per quale motivo? Te lo chiedi con intensa curiosità e pensi di poter indovinare la risposta. Ma se io ora cerco di spiegarti la vera ragione in una frase concisa, tu rimarrai nuovamente sorpreso vedendo quanto sei lontano dal vero motivo.

Ascolta: io rifiuto di mangiare animali perché non posso nutrirmi con la sofferenza e con la morte di altre creature. Rifiuto di farlo perché ho sofferto tanto dolorosamente che le sofferenze degli altri mi riportano alle mie stesse sofferenze.

So che cos’è la felicità e so che cos’è la persecuzione. Se nessuno mi perseguita, perché dovrei perseguitare altri esseri o far sì che vengano perseguitati? So che cos’è la libertà e so che cos’è la prigionia. So che cos’è la protezione e che cos’è la sofferenza. So che cos’è il rispetto e so che cos’è uccidere. Se nessuno mi fa del male, perché dovrei fare del male ad altre creature o permettere che facciano loro del male? Se nessuno vuole uccidermi, perché dovrei uccidere altre creature o permettere che vengano ferite o uccise per il mio piacere o per convenienza? Non è naturale che io non infligga ad altre creature ciò che io spero non venga inflitto a me? Non sarebbe estremamente ingiusto fare questo per il motivo di un piacere fisico a spese della sofferenza altrui e dell’altrui morte?

Queste creature sono più piccole e più indifese di me, ma puoi tu immaginare un uomo ragionevole con nobili sentimenti che volesse basare su questa sofferenza la rivendicazione o il diritto di abusare del più debole e del più piccolo?

Non credi che sia proprio il dovere del più grande, del più forte, del superiore di proteggere le creature più deboli invece di perseguitarle e di ucciderle? Noblesse oblige. Ed io voglio comportarmi nobilmente.

Ricordo l’epoca orribile dell’inquisizione e mi dispiace dire che il tempo dei tribunali per gli eretici non è passato, che giorno per giorno gli uomini cucinano in acque bollenti altre creature che sono state date impotenti nelle mani dei loro carnefici. Sono inorridito dall’idea che uomini simili sono civili, non rudi barbari, non dei primitivi. Ma nonostante tutto essi sono soltanto primitivamente civilizzati, primitivamente adagiati nel loro ambiente culturale.

Sproloquiando, sorridendo, proponendo grandi idee e facendo bei discorsi, l’europeo medio commette ogni sorta di crudeltà e non perché sia costretto, ma perché vuole fare ciò. Non perché manchi della facoltà di riflettere e di rendersi conto delle orribili cose che sta facendo. Oh no! Soltanto non vuole vedere i fatti, altrimenti ne sarebbe infastidito e disturbato nei suoi piaceri, so che la gente considera certi atti connessi al macellare come inevitabili. Ma c’è realmente questa necessità? La tesi può essere contestata. Forse esiste un genere di necessità per le persone che non hanno sviluppato ancora una piena e conscia personalità. Io non faccio loro delle prediche, scrivo a te questa lettera, ad un individuo responsabile che controlla razionalmente i suoi impulsi, che si sente conscio – internamente ed esteriormente – dei suoi atti, che sa che la nostra Corte Suprema è nella nostra coscienza e che non vi è ricorso in appello. E’ necessario che un uomo responsabile sia indotto a macellare? In caso affermativo, ogni individuo dovrebbe avere il coraggio di farlo con le sue stesse mani. È un genere miserabile di codardia quello di pagare altra gente per fare questo lavoro macchiato di sangue dal quale l’uomo normale si ritrae inorridito e sgomento. Questa gente é pagata per questo lavoro e gli altri acquistano da loro le parti desiderate dell’animale ucciso possibilmente preparato in modo da non ricordare l’animale, il fatto che è stato ucciso.

Io penso che gli uomini saranno uccisi e torturati fino a quando gli animali saranno uccisi e torturati e che fino allora ci saranno guerre, poiché l’addestramento e il perfezionamento dell’uccidere deve essere fatto moralmente e tecnicamente su esseri piccoli. Penso che ci saranno prigioni finché gli animali saranno tenuti in gabbia. Poiché per tenere in gabbia i prigionieri bisogna addestrarsi e perfezionarsi moralmente e tecnicamente su piccoli esseri.

Non vedo alcuna ragione di sentirci oltraggiati per i grandi e per i piccoli atti di violenza e crudeltà commessi dagli altri.
Ma penso che sia arrivato il momento di sentirci oltraggiati dai grandi e piccoli atti di violenza e crudeltà che noi stessi commettiamo. Ed essendo molto più facile vincere le piccole battaglie, penso che dovremmo cercare di spezzare prima i nostri legami con le piccole violenze e crudeltà per superarle una volta per sempre. Poi verrà il giorno che sarà facile per noi combattere anche le crudeltà più grandi.

Ma noi tutti siamo addormentati in abitudini e attitudini ereditate, che ci aiutano ad ingoiare le nostre crudeltà senza sentirne l’amaro. Non ho alcuna intenzione di accusare persone o situazioni. Ma penso che sia mio dovere stimolare la mia coscienza nelle piccole cose, migliorare me stesso ed essere meno egoista, per essere poi in grado di agire in coerenza nei problemi più importanti. Il punto è questo: io voglio vivere in un mondo migliore dove una più alta legge conceda più felicità a tutti.”

E così, noi tutti, la redazione e credo anche voi cari lettori, vogliamo che ogni creatura vivente viva in un mondo migliore dove una più alta legge conceda più felicità a tutti.

 

  1. Parole e riflessioni che tutti dovremmo fare, purtroppo si fa prima s si vive meglio voltandosi dall’altra parte, la sofferenza altrui non tocca i cuori di tutti. Io non mi sento migliore di altri, ma sicuramente in pace con la mia anima e la via coscienza si. Voglio un mondo migliore di questo, lotterò fino all’ultimo giorno della mia vita e con tutte le mie forze per difendere i diritti dei piu deboli. Go Vegan.

    Reply
  2. Avatar

    Essere vegani non è difficile basta volerlo è nel nostro DNA, nel nostro cuore da piccoli a quell’età non abbiamo pregiudizi non potremmo mai far del male ad un altro essere vivente uomo o animale che sia. Poi tutto cambia e si va verso una consuetudine del modo di vivere del mondo che ci circonda. Ma per fortuna come è accaduto per shoha molte persone si rendono conto che l’uomo sta ripetendo lo stesso errore con altri essere viventi sezienti che non hanno voce ne forza per ribellarsi e spero presto che io possa vedere che ci sia libertà per tutti e che sempre più persone lottino per i diritti che ci accomunano tra uomo e animali.

    Reply
    • Avatar

      Verissimo, la purezza della nostra condizione di bambini dovrebbe restare con noi , è davvero il momento più “sano “ della vita , in cui abbiamo un cuore pulito ed una menta libera : nessun condizionamento.
      Non dovremmo mai pensare di poter fare agli altri ciò che non vorremmo fosse fatto a noi …
      E queste non sono parole mie..

      Reply
  3. Grazie Renata per aver letto in modo così profondo e sincero un testo così difficile.
    Spero che tocchi il cuore di chiunque avrà la pazienza di ascoltarlo

    Reply
    • Grazie a te Sauro per aver scritto quelle parole …

      Questi profondi contenuti andrebbero davvero ripetuti più di una volta l’anno.
      Ottime riflessioni che dovrebbero scalfire la credenza della gente che è normale che vi sia chi può prevaricare su altri : questa è davvero la follia più enorme dell’uomo !
      Nessuno uomo ha diritto di abusare su altre creature !

      E come ha scritto Francesca , sino all’ultimo dei giorni , saremo
      qui per diffondere un messaggio di non violenza e condannare le ingiustizia ed ogni tipo di azioni crudeli verso ognj creatura .
      Go Vegan

      Reply
  4. Avatar

    Mi sembra un paragone fuori luogo e una mancanza di rispetto per chi ha passato parte della sua vita in quei luoghi

    Reply
    • Caro anonimo amico, ogni opinione è legittima, ma la tua è quantomeno strana. Se leggi l’articolo, oltre al mio modesto pensiero che vale quel che vale, troverai anche la testimonianza scritta di Edgar Kupfer-Koberwit, che è stato purtroppo vittima dei campi di concentramento e salvatosi fortunatamente, è stato il primo a raccontare le analogia con lo sterminio animale. In effetti è normale che chi ha vissuto certi orrori sulla propria pelle, poi riconosca quegli orrori (e ne prenda le distanze) se attuati verso altri esseri viventi.
      I primi mostri siamo noi, quando vigliaccamente ci giriamo dall’altra parte di fronte all’orrore fatto ad altri.

      Reply
    • Come può essere fuori luogo e di mancanza di rispetto se uno dei pochi sopravvissuti stessi ci lascia le sue parole tacconti e profonde, forse dovresti rileggere le parole di Edgar… e riflettere prima di parlare senza cognizione di causa.

      Reply
    • Avatar

      L’idea che alcune vite valgano meno di altre è alla radice di tutto quanto c’è di sbagliato al mondo!

      Reply
  5. Avatar

    Oggi è il giorno migliore per riflettere su quello che facciano agli animali

    Reply
  6. Avatar
    Gian Maria Cavalieri 27 Gennaio 2019, 11:28 am

    Bellissima riflessione Sauro, molto toccante.
    L’analogia tra la Shoa e l’olocausto animale, tutt’ora in atto, è molto forte.
    D’altronde, Himmler, la mente malata che partorì l’idea di creare campi di concentramento, prese spunto proprio dagli allevamenti di animali.

    Reply
    • Si Gian Maria, in particolare l’organizzazione logistica ed esecutiva nei campi di concentramento fu messa in piedi proprio copiando i metodi e le filiere dello sfruttamento animale dei mattatoi e dell’allevamento in generale…
      C’è da riflettere sul fatto che mentre siamo qui a “commemorare” un qualcosa spiegando falsamente che appartiene al passato, lo sterminio di animali c’era prima dell’olocausto, durante l’olocausto ed è continuato dopo l’olocausto… Proprio a dimostrazione che l’uomo non ha imparato proprio niente da quella lezione, se non a girarsi dall’altra parte.

      Reply
  7. Una tematica molto forte che ci tocca e ci invita a riflettere… ma in ogni caso il messaggio giunge forte e chiaro: “mai più olocausto né per uomini né per animali”

    Reply
  8. Avatar

    L’idea che alcune vite valgano meno di altre è alla radice di tutto quanto c’è di sbagliato al mondo!

    Reply
  9. Grazie Sauro e Renata per le vostre parole. C’è un reale motivo perchè i mattatoi sono dislocati al di fuori dei centri abitati. Perchè le grandi aziende che producono cadaveri come cibo per gli essere umani hanno l’interesse che il popolo assolutamente NON VEDA ciò che accade dentro a questi luoghi di terrore. Perchè il vedere aprirebbe le coscienze e chi gestisce questo grande business sa benissimo che questi scenari provocherebbero delle reazioni. Le menti assopite e dormienti sono molto più gestibili e manovrabili per i propri interessi economici. Occorre aprire gli occhi e cogliere la verità: le realtà e tutt’altro modo di come ve la vogliono far percepire.

    Reply
  10. Avatar

    Stamattina mi sono imbattuta proprio in una discussione tra vegani che disprezzavano il paragone tra l’olocausto umano e l’olocausto animale. Me lo aspettavo da onnivori, ma tra vegani proprio no! Per me il paragone è più che lecito, si tratta sempre di elevare una razza rispetto a un’altra. Nessuna differenza. Capisco che ci sia maggiore empatia tra i membri della propria specie, ma credo che alla base dell’essere vegani ci sia proprio riconoscere che tutte le speci meritano rispetto per la propria vita. Un’altra conferma del fatto che esiste solo un modo per essere vegani, esserlo per etica, tutti gli altri sono solo fruitori di una dieta vegetale.

    Reply

Lascia un commento

L'indirizzo email non verrà pubblicato.

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

Vai alla barra degli strumenti