25 Marzo: Giornata internazionale del ricordo delle vittime della schiavitù

Ogni anno, il 25 marzo, la Giornata internazionale del ricordo delle vittime della schiavitù e del commercio di schiavi transatlantici offre l’opportunità di onorare e ricordare coloro che hanno sofferto e sono morti per mano del brutale sistema di schiavitù. La giornata internazionale mira anche a sensibilizzare l’opinione pubblica sui pericoli del razzismo e dei pregiudizi oggi.

Per oltre 400 anni, oltre 15 milioni di uomini, donne e bambini sono stati vittime del tragico commercio di schiavi transatlantici, uno dei capitoli più oscuri della storia umana.

Esistono purtroppo ancora casi di “schiavitù” nel mondo, ma sicuramente quello perpetrato dalla “razza” occidentale che si definiva “civilizzata” nei confronti delle etnie africane è un capitolo della nostra storia, come anche altri, di cui l’umanità deve vergognarsi!

È bene ricordare che ancora oggi purtroppo ci sono casi di razzismo e pregiudizi di vario genere, per non parlare delle schiavitù in cui versano i tantissimi animali usati a piacimento della razza “umana”.

Allevamenti intensivi, per produrre carne e derivati animali, sperimentazione scientifica (totalmente inutile, oggi esistono tanti altri modi per fare ricerca), ma ancora, lavoro nero, lavoratori sottopagati e sfruttati senza i giusti diritti e senza le corrette condizioni di lavoro, differenze di genere (tra maschi e femmine), razzismo negli stadi e nelle menti delle persone che ancora non hanno veramente sviluppato una coscienza sana.

La specie umana oggi, 25 Marzo, commemora le oscenità perpetrate a danno dei popoli africani sfruttati come servi, (nei campi, nelle miniere, nelle case della nobiltà), come un qualcosa a cui guardare per non ripetere lo stesso errore, eppure ancora oggi le battaglie contro tantissimi tipi di schiavitù sono all’ordine del giorno, con questo vogliamo dirvi che può veramente fare la differenza comprendere che la vita di ogni specie, di ogni genere e razza merita rispetto e libertà.

La vita, tutta, è sacra sempre.

  1. Avatar

    Gli schiavi animali sono ancora le vittime principali

    Reply
  2. Oggi più che mai questo tema è di attualità

    Reply
  3. Quello che sta accedendo nel mondo in questo momento è il risultato della cattiveria umana. Mi chiedo se quando torneremo alla normalità, qualcosa cambierà per lo meno lo spero.

    Reply
  4. Avatar
    Gian Maria Cavalieri 25 Marzo 2020, 4:02 pm

    Orrori che non devono essere dimenticati.

    Reply
  5. Possano occasioni come queste ricordarci che la vita in ogni sua forma va sempre rispettata e merita libertà!

    Reply
  6. Basta schiavitù! Elogiamo la vita 🙂

    Reply
  7. La schiavitù è un orrore del passato, che continua ancora oggi sugli animali non umani…

    Reply
  8. E milioni di esseri viventi animali non umani la situazione di schiavitù è in essere… il
    Riconoscimento dei diritti animali deve essere il nostro
    Obiettivo!
    Deve essere il motore del nostro lavoro, ciò che ci traina anche quando siamo stanchi , neve essere l’ènergia che ci tiene svegli per trovare ogni giorno strategie per salvare sempre più animali … tutti … sempre più fino all’ultimo !

    Reply
  9. Avatar

    Dicevano “tanto sono solo aninali”

    Reply
  10. Avatar

    Ho appena visto su raitre la puntata di indovina chi viene a cena dove spiegava benissimo che questa pandemia è causata dagli allevamenti. Maledetti mangiatori di carne che hanno causato sofferenza e morte ad animali e uomini

    Reply

Lascia un commento

L'indirizzo email non verrà pubblicato.

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

Vai alla barra degli strumenti