Aiuta una mucca e anche più

Diversi animali sono stati confiscati ormai 1 anno fa e passati sotto custodia del Sindaco di Cassano D’Adda. L’allevatore, però, non ha provveduto a separare maschi e femmine, col risultato di ulteriori nascite. Gli animali hanno bisogno di un nuovo posto che li ospiti e se ne prenda cura.

Il 27 Novembre alcuni attivisti del Movimento Etico Tutela Animali e Ambiente, Sezione Milano si sono recati a Cassano D’Adda per effettuare un sopralluogo e verificare di persona la situazione di una quarantina di animali tra mucche, manzi e vitellini presso una stalla. Gli animali sono stati confiscati ormai 1 anno fa e passati sotto custodia del Sindaco. L’allevatore, però, non ha provveduto a separare maschi e femmine, col risultato di ulteriori nascite.

Come potete vedere dalle foto, gli animali vivono nella sporcizia, in quanto camminano su svariati centimetri di liquame.

Il Movimento Etico Tutela Animali e Ambiente, Sezione Milano sta cercando in questo contesto, grazie anche all’aiuto del consigliere regionale Luigi Piccirillo, anch’egli presente al sopralluogo, di iniziare un dialogo con Sindaco ed istituzioni al fine di trovare per questi animali delle sistemazioni idonee ed evitare per loro il macello.

CHIUNQUE POSSA ESSERE SERIAMENTE DISPOSTO AD ACCOGLIERE UNO O PIÙ ANIMALI, può scrivere alla mail [email protected], oppure scrivere alla loro pagina facebook.

Grazie a chiunque potrà dare una mano.

Questo testo è stato riportato sulla pagina Facebook del Movimento Etico Tutela Animali e Ambiente, Sezione Milano

Sostieni anche tu la libera informazione!

Scegli per i tuoi acquisti prodotti certificati VEGANOK e invita i tuoi conoscenti a fare lo stesso.
Solo con la partecipazione di tutti potremo fare la differenza per la salvaguardia del pianeta.

  1. Questo tipo di notizie purtroppo mi creano sofferenza.

    Reply
  2. Gian Maria Cavalieri 5 Dicembre 2020, 7:24 am

    Che tristezza…

    Reply

Lascia un commento

L'indirizzo email non verrà pubblicato.

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

Vai alla barra degli strumenti