Boom di richieste per Avocado e Tè Matcha

Aumenti vertiginosi quelli del settore superfoods, che dimostrano come la crisi che stiamo vivendo fa venir voglia a tutti di mangiare sano e prendersi cura di se. L’Osservatorio Immagino Nielsen ha dato i numeri del settore e sono sorprendenti.

Le straordinarie cifre di consumo diffuse da Osservatorio Immagino Nielsen fanno saltare l’Avocado e Tè Matcha ai vertici dei cibi che hanno subito un maggiore aumento rispetto ad altri.

Le vendite di avocado e dei prodotti alimentari che lo contengono sono aumentate di +92,9% in un anno (toccando quota 6,5 milioni di euro nel 2019) e di +143,8% tra 2016 e 2019: valori che fanno di questo esotico frutto l’ingrediente best performer. Boom di +99,8% anche per le vendite del Tè Matcha (2,3 milioni di euro).

L’Osservatorio VEGANOK esamina i risultati in un articolo approfondito parlando di come i cibi che hanno avuto un aumento esponenziale di richieste siano per la maggiore superfoods. Sarà forse finalmente arrivata l’era del cibo che ci fa bene senza far del male a nessuno?

Che sia per etica o per salute si registra un aumento di consumi di cibi più sani e di prodotti che evidenziano in etichetta la presenza di “mandorla”, “mirtillo”, “cocco”, “acqua di cocco” o “avocado”, prodotti arrivati ad una crescita del +5,3% sul 2018. Il merito maggiore? L’ampliamento dell’offerta.

Leggi l’articolo completo su Osservatorio VEGANOK

Avocado e tè matcha: boom di consumi

Photo Credit: freepik.com

Sostieni anche tu la libera informazione!

Scegli per i tuoi acquisti prodotti certificati VEGANOK e invita i tuoi conoscenti a fare lo stesso.
Solo con la partecipazione di tutti potremo fare la differenza per la salvaguardia del pianeta.

  1. Avatar
    Gian Maria Cavalieri 5 Agosto 2020, 10:06 am

    L’unica mia preoccupazione è che vengano tutelati i diritti dei lavoratori (per chi li ha). Questi “boom” periodici di vari cibi arricchisce sempre i soliti noti sfruttando la popolazione locale.
    Inoltre, spero anche che non venga depauperato il terreno adibito a queste coltivazioni. La storia ci insegna che la monocoltura, come risposta a questa o quella richiesta, ha sempre e solo fatto danni.

    Reply

Lascia un commento

L'indirizzo email non verrà pubblicato.

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

Vai alla barra degli strumenti