Casoria (NA): un bullo prende a calci un gattino, LNDC lo denuncia.

Un evento che ci ricorda quanto grave sia l’assenza delle istituzioni nel sensibilizzare attraverso severe punizioni atti così crudeli. Un uomo che commette violenza verso gli animali non si fa scrupoli a commetterla verso gli umani, questo è un fatto grave, gravissiomo. La Presidente di LNDC Piera Rosati: “Adolescente senza valori. istituzioni assenti, grave il silenzio del sindaco”.

Da Comunicato di LNDC: Un gesto violento. Vile. Assassino. In un video pubblicato da un suo compiaciuto amico sulla piattaforma Tik Tok, si vede un bullo adolescente di Casoria, in provincia di Napoli, prendere a calci un gattino. Il video è stato poi condiviso su altri social network, suscitando la rabbia, sul web, di centinaia di migliaia di persone.

Ancora una volta – accusa la Presidente di LNDC Animal Protection, Piera Rosatidobbiamo assistere, impotenti, alla brutale e spietata aggressione di una creatura indifesa. Abbiamo già predisposto la denuncia a carico di questo ragazzino che di fatto ha dimostrato di essere un individuo senza scrupoli, cresciuto evidentemente in un ambiente senza amore e senza rispetto per la vita. Il gesto che ha commesso è di una crudeltà inaudita”.

L’attuale normativa continua però a non rappresentare un deterrente, per chi si macchia di reati così gravi. “Vanno inasprite le pene. Sono ridicole. Lo dico, lo ripeto, lo urlo. Chi maltratta un animale o addirittura lo uccide se la cava con niente: L’articolo 544-bis del nostro Codice Penale prevede una pena di massimo 2 anni di reclusione per chi uccide un animale per crudeltà e senza necessità, tuttavia, tra riti abbreviati, sospensione della pena e messa alla prova, praticamente nessuno sconta realmente nemmeno un giorno di prigione anche in caso di condanna. Eppure, non c’è differenza tra chi brutalizza un essere umano e chi uccide a calci un animale. E quel gattino, molto probabilmente, è morto tra atroci sofferenze. Il dolore non ha specie e non ha volti, e azioni così crudeli denotano una pericolosità sociale a 360 gradi”.

La Presidente Rosati si rivolge poi a chi dovrebbe vigilare: “Questo gesto evidenzia il vuoto delle istituzioni nelle zone periferiche del nostro Paese. Oltre a denunciare questo reato, invieremo una lettera al Sindaco Raffaele Bene e agli assistenti sociali del Comune di Casoria, per sollecitare una presa di posizione. Riteniamo grave il silenzio di chi dovrebbe rappresentare una comunità ferita al cuore da un atto criminale”.

Lega Nazionale per la Difesa del Cane chiede ora ai testimoni dell’aggressione di farsi avanti. Chi ha visto o sa qualcosa può scrivere a [email protected] anche in forma anonima, o può chiamare il numero 335.6981807.

L’immagine di Casoria non merita di essere sporcata da un bullo cresciuto senza riferimenti. Senza valori. Senza umanità.

15 ottobre 2020

Fonte Lega del Cane

LNDC – Animal Protection

Ufficio Stampa

Tel 02 26116502

[email protected]

www.legadelcane.org

Guarda la puntata speciale su VEGANOK Network dedicata al tragico evento. Quali ripercussioni hanno azioni di questo tipo nel futuro della società? Ne parlano Francesca Sorcinelli Educatrice Professionale, Presidente dell’Associazione di Promozione Sociale LINK ITALIA e Roberto Favata, Cordinatore del Comitato Scientifico di AssoVegan.

 

Sostieni anche tu la libera informazione!

Scegli per i tuoi acquisti prodotti certificati VEGANOK e invita i tuoi conoscenti a fare lo stesso.
Solo con la partecipazione di tutti potremo fare la differenza per la salvaguardia del pianeta.

  1. Avatar

    PENE SEVERISSIME PER CHI Maltratta O Uccide un Animale. ..Italia, muoviti.e’ ora!!!

    Reply

Lascia un commento

L'indirizzo email non verrà pubblicato.

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

Vai alla barra degli strumenti