Emergenza Coronavirus: nessun fermo per la caccia. La denuncia della LAV

Nonostante l’Italia stia vivendo un’inedita situazione emergenziale, il Veneto e l’Emilia Romagna non fermano le attività venatorie per il controllo della fauna selvatica: la rende nota la vicenda, manifestando il suo dissenso alle Regioni coinvolte.

L’emergenza COVID-19 ha ormai travolto l’Italia intera, costringendo cittadini ed enti governativi ad attuare misure preventive stringenti ma necessarie: il Paese è immobile, in attesa di poter tornare alla tanto agognata quotidianità. Soltanto i servizi essenziali e gli spostamenti estremamente necessari sono permessi, eppure sembra che i provvedimenti ministeriali siano stati ignorati da chi si ostina a praticare l’attività venatoria, con il benestare delle autorità regionali.

In particolare si tratterebbe di pratiche connesse alla pianificazione e gestione faunistico-venatoria, disposte dal Veneto e dall’Emila Romagna e senz’altro differibili, in quanto ‹‹non essenziali a garantire – in tali circostanze – la salute e la sicurezza della collettività››. A ricordarlo è Gianluca Felicetti, presidente della LAV (Lega Anti Vivisezione), che ha recentemente redatto ed inviato due lettere ai presidenti delle due Regioni ed agli assessori competenti chiedendo la sospensione immediata dei Piani di controllo della fauna selvatica sino al 30 giugno e comunque sino alla cessazione dell’emergenza.

Nelle missive – peraltro inoltrate anche ai Ministri della Salute e dell’Interno – Felicetti si appella al buonsenso delle autorità, che sono chiamate a tener conto ‹‹del rischio indubbio di vanificare le misure disposte dal Governo a tutela della salute pubblica attraverso il coinvolgimento di un numero non esiguo di soggetti alle operazioni››, nonché ‹‹delle finalità sottese all’adozione dei singoli piani, non sorrette da ragioni di urgenza››.

  1. Avatar

    I cacciatori ancora una volta mostrano il loro volto impresentabile e privo di umanità

    Reply
  2. Ma non bisognava stare tutti a casa? Non mi sembra che questa “attività” risulti tra quelle indispensabili

    Reply
  3. Avatar
    Gian Maria Cavalieri 7 Aprile 2020, 12:03 pm

    Sono senza parole.

    Reply
  4. Tutto questo ci fà comprendere in quale follia siamo immersi. Da tutti i punti di vista.

    Reply
  5. E dicono che la legge è uguale per tutti? Qui mi sa che c’è qualche problema di comprensione!

    Reply

Lascia un commento

L'indirizzo email non verrà pubblicato.

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

Vai alla barra degli strumenti