Erba di grano

wheatgrass-ccflcr-stevendepoloLa salute viene dall’erba
Una piantina particolare però, che si può mangiare fresca, oppure liofilizzata. È l’erba di grano, conosciuta dagli Esseni in epoca Romana e riscoperta 50 anni fa dalla dottoressa americana Anne Wigmore, che a questa pianta dedicò lunghi studi.
Da anni negli Stati Uniti esistono infatti centri curativi che fanno uso del succo di erba di grano che, come dice la Wigmore “aiuta il corpo a svolgere la sua funzione naturale di autoguarigione“. L’azione curativa può essere così sintetizzata: potenziamento dell’energia psicofisica, miglioramento dei processi digestivi ed assimilativi, miglioramento dello stato anemico, stimolazione del metabolismo e disintossicazione cellulare, azione anti-invecchiamento
L’erba di grano contiene più di 90 minerali, tra cui potassio, calcio, magnesio e sodio come pure enzimi essenziali e 19 amminoacidi:
Vitamina A
Vitamina B1 (4 volte superiore alla farina di grano)
Vitamina B12 (80mg/100gr)
Vitamina C (7 volte superiore alle arance)
Vitamina E – Calcio (11 volte superiore al latte di mucca)
Ferro (4 volte superiore agli spinaci)
Magnesio, Fosforo, Potassio, Sodio, Zolfo, Cobalto, Zinco
17 amminoacidi – Enzimi attivi – 70% di Clorofilla
Ecco 15 buoni motivi per introdurre ed utilizzare l’erba di grano:
1. Sopprime l’appetito: l’erba di ricco è cosi ricca di tante sostanze nutritive che il vostro corpo non è affamato e non sente il bisogno di altri alimenti per compensare eventuali carenze di vitamine o minerali. Prendete un bicchiere di succo di erba di grano ogni mattina a stomaco vuoto  per prevenire l’eccessiva introduzion di cibo.
2. Stimola la circolazione: ha la capacità di aumentare la quantità di ossigeno nel sangue, rendendolo un ottimo modo per stimolare la circolazione. Oltre a bere il succo dell’erba di grano, è anche possibile utilizzare un batuffolo di cotone a strofinare il succo intorno al viso e collo per dilatare i vasi sanguigni e consentire una maggiore circolazione alla superficie della pelle. Dopo l’applicazione, risciacquare e picchiettare il viso con un asciugamano.
3. Migliora la digestione: invece di usare per antiacidi per alleviare il bruciore di stomaco o le indigestioni, usate erba di grano nel vostro regime quotidiano e beneficiate della sua vitamina B, degli aminoacidi e degli enzimi in essa contenuti. A partire dalla sindrome del colon irritabile alle ulcere, l’erba di grano è un ottimo strumento per migliorare la digestione, arrivando fino a pulire le viscere dall’eccesso di muchi.
4. Curativa per l’artrite: gli esperti sanitari ritengono l’erba di grano un efficace rimedio nel trattamento dell’artrite. per suo alto contenuto di clorofilla. La clorofillainfatti  combatte l’infiammazione, che èspesso  associata con dolore alle articolazioni.
5. Riduce la fatica: quando si verificano periodi di gande stanchezza, il vostro corpo è privato del giusto riposo e ha un sistema immunitario indebolito. La clorofilla aiuta ad aumentare l’apporto di ossigeno nelle cellule del vostro corpo e dei tessuti, contribuendo alla rigenerazione cellulare, alla guarigione del corpo e riduce i sintomi della fatica.
6. Combatte l’alito cattivo e odori del corpo: è un deodorante naturale e il consumo regolare o l’applicazione di succo dierba di grano può aiutare a liberarsi dai cattivi odori. Il suo succo ha la capacità di lavare le tossine dalla pelle, dalla bocca, e dal corpo.
7. Cura le ferite della pelle: può essere usata per trattare le ferite della pelle e aiutarle a guarire più velocemente. Utilizzate il succo con un batuffolo di cotone sulle ferite e lasciate riposare per qualche minuto prima di risciacquare e asciugare con piccoli colpetti con un asciugamano.
8. Previene la carie: gargarismi con succo di erba di grano per qualche minuto aiuterà ad eliminare le tossine del cavo orale e la ri-mineralizzazione dei denti. Sostituite il collutorio duro con l’erba di grano.
9. Ripulisce il fegato: l’erba di grano è probabilmente più conosciuta per i suoi effetti sul fegato essendo in grado di ripristinare e rivitalizzare il fegato.
10. Cura le scottature: proprio come l’erba di grano è in grado di trattare le ferite, cosi è anche in grado di accelerare il processo di guarigione della pelle dalle scottature.  Utilizzate il succo con un batuffolo di cotone sulle ferite e lasciate riposare per qualche minuto prima di risciacquare e asciugare con piccoli colpetti con un asciugamano.
11. Stabilizza i livelli di zucchero nel sangue: migliora i livelli di glucosio e livelli di lipidi nel sangue, il che significa che è un ottimo strumento per la gestione del diabete e per stabilizzare i livelli di zucchero nel sangue.
12. Aiuta la congestione nasale: bere il succo o inalarlo attraverso il naso aiuta a liberare i seninasali e paranasali ad eliminare le tossine ed il muco.
13. Rivitalizza la pelle: ha la capacità di rigenerare le cellule della pelle ed è quindi utile per la protezione della carnagione. Applicare il succo direttamente sulla pelle per eliminare problemi di acne, secchezza della pelle o per curare l’eczema.
14. Previene il cancro: grazie alle sue potenti proprietà disintossicanti, l’erba di grano lavora sul nostro organismo per mantenere il sangue pulito e ossigenato e ala la conta dei globuli rossi. Il cancro prospera in un ambiente povero di ossigeno questo fa si che l’erba di grano realmente contribuisce alla prevenzione del cancro.
15. Aumenta le difese immunitarie: come l’inverno volge al termine, per evitare tutti i raffreddori persistenti, date una spintaal vostro sistema immnitario prendendo una piccola dose quotidiana di erba di grano. Vi aiuterà   a mantenere la mente e il corpo forti ed agili.
(Foto di StevenDepolo su Flickr)

Sostieni anche tu la libera informazione!

Scegli per i tuoi acquisti prodotti certificati VEGANOK e invita i tuoi conoscenti a fare lo stesso.
Solo con la partecipazione di tutti potremo fare la differenza per la salvaguardia del pianeta.

  1. E’ POSSIBILE COLTIVARE IN CASA L’ERBA DI GRANO

    Reply
    • certo che si può fare, prendi una vaschetta alta 5-8 cm. tipo i sottovasi da fiori, terriccio bio, sementi di cereali bio.
      dopo aver messo il terriccio nella vaschetta(bastano 4-5 cm.) disponi le sementi abbastanza fitte(deve vedersi poco la terra) ma non troppo, poi copri le sementi con un leggero strato di terra molto fine(lo fai con le mani) infine copri la vaschetta con un telo nero per tre giorni, dopo di che togli il telo e vedrai cominciare a crescere l’erba e devi tagliarla prima che faccia il nodo .
      Durante tutte queste fasi devi tenere umida la terra ma non bagnata per non favorire le muffe.
      io i semi li ho trovati qui http://coopserena.org/

      Reply
  2. lucilla stefoni 25 Marzo 2013, 9:52 pm

    grazie interessante ma dove si trova?

    Reply
    • Ciao io l’ho trovata qui, hanno anche la terra bio, ho provato a mettere tutto in un sottovaso alto 8 cm. e funziona. http://coopserena.org/ leggiti il libro erba di grano di Steve Meyerowitz, ti spediscono anche quello.
      Buon divertimento

      Reply
  3. Non l’ho mai vista in commercio. Verrei poterla coltivare. Si semina?

    Reply
  4. Triticum aestivum, è il nome scientifico dell'”erba di grano”,chiamato anche “grano del kansas,altro non è che il nostro comune grano tenero del nostro pane quotidiano,coltivato in serre,su cassette e non a campo libero.

    Reply
  5. Dove si puó trovare o acquistare? Grazie

    Reply
  6. contiene anche vit.B12? se è così è una buona notizia, ma mi sembra strano…

    Reply
  7. Intanto AUGURI a tutti, se c’è qualcuno che ha coltivato/coltiva sta erba di grano in casa su balconi o affini sarei interessata a conoscere la tecnica: da tre anni ci provo con risultati nulli. Germoglia qualsiasi cosa meno il grano uffa!
    Bell’articolo comunque un’altra panacea per tutti i mali ed elisir di lunga vita, caso mai ci fosse qualcuno che ha ancora dei dubbi sul fatto che nutrirsi di sola FLORA sia una scelta eccessiva.

    Reply

Lascia un commento

L'indirizzo email non verrà pubblicato.

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

Vai alla barra degli strumenti