Falafel fritti

Ricetta tipica del mediorientale le Falafel sono ormai diffuse e amate in tutto il mondo! Street food, cibo da condivisione, ideali per cene, ma anche aperitivi, provale, portale in tavola e vedrai che bontà!

La cucina super sana ci piace, ma alle volte alcune pietanze in particolar modo sono senza dubbio più buone fritte! Quindi oggi vi proponiamo Falafel fritte.

Che origine hanno le Falafel?

La storia ci racconta che i falafel abbiano origine nel lontano Egitto. La base tipica erano i fagioli (l’etimologia della parola, infatti, è “con molti fagioli”) ma tramandandosi negli anni, e soprattutto diffondendosi negli Stati limitrofi, è diventata a base di fave e ceci.
La ricetta tradizionale prevede l’utilizzo, oltre ai legumi, di spezie come coriandolo e cumino, cipolla e aglio. È proprio grazie a questo mix di erbe e spezie che queste polpette acquisiscono il loro gusto unico ed inconfondibile, tipico della profumata cucina araba.

Dal passato al futuro mai polpetta fu più longeva! Se in passato rappresentavo il piatto consumato dagli antichi egizi oggi sono oggi il piatto più diffuso al mondo, diventato al punto di essere lo streetfood più di moda del momento. In Egitto, Palestina ed Israele sono il piatto nazionale, la cui ricetta viene tramandata di generazione in generazione. Ma a poco a poco questa polpetta ha conquistato non solo il Medioriente ma anche l’occidente come pietanza da gustare per strada in un cartoccio di carta assorbente o dentro un panino pita.

Ma adesso andiamo alla ricetta offerta da VeganBlog.it!

Ingredienti :
(per 3 porzioni circa )

300 g di ceci ammollati (8-12 ore)
1 cipolla piccola
spezie a piacere (cumino, coriandolo, curry)
sale, pepe
sesamo
prezzemolo
farina (meglio se di ceci)
olio di girasole

Scopri il procedimento delle Falafel fritte direttamente qui!

Sostieni anche tu la libera informazione!

Scegli per i tuoi acquisti prodotti certificati VEGANOK e invita i tuoi conoscenti a fare lo stesso.
Solo con la partecipazione di tutti potremo fare la differenza per la salvaguardia del pianeta.

  1. Avatar
    Gian Maria Cavalieri 2 Agosto 2020, 6:05 pm

    Li adoro. Li ho scoperti relativamente tardi ma da quando l’ho fatto ho recuperato il tempo perduto 🙂

    Reply

Lascia un commento

L'indirizzo email non verrà pubblicato.

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

Vai alla barra degli strumenti