Il libro Ecoshopping:

E’ uscito il libro Ecoshopping

“Martedì, 3 giugno, la prima presentazione, a Milano, del nostro nuovo libro Ecoshopping – Idee, indirizzi, siti per fare acquisti senza trascurare ambiente, salute e…portafoglio. Giovedì, 19 giugno, la seconda presentazione, a Modena, in occasione del Congresso Mondiale IFOAM dell’Agricoltura Biologica (ore 11.30 nel Parco Novi sad). Luogo della presentazione a Milano era il negozio Patagonia in corso Garibaldi a Milano. Una scelta per niente casuale: Patagonia infatti è presente nel libro. Dietro il noto marchio per abbigliamento sportivo si nasconde un’azienda molto attenta all’ambiente.Ecoshopping
I capi Patagonia sono realizzati con filati come cotone organico, canapa e poliester ricavato da bottiglie di plastica riciclata; tutte le lavorazione avvengono con procedimenti rispettosi dell’ambiente (p.e. ridotto consumo di acqua ed energia). Inoltre Patagonia sovvenziona regolarmente attività che contribuiscono alla diffusione della sensibilità ambientale (come speriamo succeda con il nostro libro). Insomma, è una bella realtà che mette insieme prodotti di altissima qualità riguardo l’estetica, l’ecologia, la vestibilità e la duratura. Nel libro Ecoshopping abbiamo dato spazio proprio a questo tipo di aziende, negozi e siti.
Alla presentazione sono intervenuti alcuni produttori eco per raccontare la loro “avventura aziendale“: Beb Ecò di Monza che ha iniziato una linea di vestitini con filati certificati in seguito a richieste di genitori disperati per le dermatiti dei loro piccoli; Color Naturae, un marchio di maglieria elegante in filati eco, tinti con colori vegetali; Fitocose, un’azienda di cosmetica che usa materie prime vegetali provenienti da agricoltura biologica; Ecotoys che produce mattoncini colorati in cellulosa di mais (Happy Mais) e che presto lancerà sul mercato altri giocattoli compostabili. Inoltre una rappresentante dei supermercati NaturaSì ha illustrato come il negozio di Brescia ha aperto al settore non-food, in via sperimentale.
Dato che politici, economisti e di conseguenza anche buona parte della stampa ci definisce ormai “consumatori” e non più “cittadini”, avvaliamoci del nostro potere: diamo i nostri soldi ad aziende che guardano al futuro e che tengono in considerazione l’uomo, l’ambiente e gli animali. Finché la società si definisce attraverso il consumo, compiamo un atto politico ogni volta che tiriamo fuori la carta di credito o il portafoglio”.
Ecoshopping informa che il “Ramiè” è un filato molto robusto ricavato da un’ortica bianca indiana e che il bambù dà una fibra confortevole come il cotone ma cresce velocemente e con pochissima acqua, oltre a non aver bisogno di pesticidi e fertilizzanti.
L’esempio riguarda solo due fra le informazioni interessanti che il volume riesce a sintetizzare nelle brevi pagine di introduzione ad ogni capitolo – abbigliamento, bambino, casa, ufficio, viaggi, giardinaggio, energia, animali, igiene e pulizia – e nelle schede che presentano ogni azienda “in regola” con un concetto sostenibile di produzione e vendita…
Da “Ecoshopping” emerge anche il quadro di un settore non solo in espansione, ma anche grandemente creativo: c’è chi realizza borse ed accessori solo con pneumatici usati, chi effettua la raccolta di materie prima solo in modo sostenibile, chi realizza detergenti che sono biodegradabili in soli tre mesi, chi certifica dermatologicamente la sua lisciva, chi con il bambù ci fa anche i mobili, chi utilizza l’argilla verde per l’igiene di cani e gatti…
Nel libro tante “novità di buon senso”, molte cose che fanno venir voglia di essere provate, tanto più che Rita Imwinkelried e Nicoletta Pennatidi non si limitano a segnalarle, ma aggiungono consigli e spiegazioni. Il settore a cui fanno riferimento non è solo quello di nicchia del consumatore già consapevole, ma anche quello di aziende note e prodotti di più largo consumo che presentano caratteristiche positive per l’ambiente, oppure il mondo on-line a cui ci si può rivolgere per avere più dati e più idee.
Una vita sostenibile, cosciente e informata senza rinunciare a molti lati piacevoli dell’esistenza, che si possono invece trasformare in altrettante “buone azioni”.
 
“Ecoshopping – idee, indirizzi, siti per fare acquisti senza trascurare ambiente, salute e… portafoglio”
di Rita Imwinkelried e Nicoletta Pennatidi, il libro appena uscito per Sperling & Kupfer nella collana delle “guide allo spender bene”
 

Sostieni anche tu la libera informazione!

Scegli per i tuoi acquisti prodotti certificati VEGANOK e invita i tuoi conoscenti a fare lo stesso.
Solo con la partecipazione di tutti potremo fare la differenza per la salvaguardia del pianeta.

Lascia un commento

L'indirizzo email non verrà pubblicato.

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

Vai alla barra degli strumenti