Incendi in Australia: 10.000 cammelli saranno abbattuti perché bevono troppa acqua

Non è una barzelletta. “Il problema con i cammelli selvatici è la quantità di acqua che consumano, e le emissioni di anidride carbonica che producono, in un momento in cui le riserve idriche della regione sono già al limite”. Queste le parole che giustificano l’ordine di uccisione di 10.000 Cammelli in Australia. “Tanto non sono specie autoctone”.

Sembra una barzelletta ma non lo è purtroppo. Da vittime delle fiamme a vittime dell’uomo. Stiamo parlando di 10.000 Cammelli che sono, da giorno 8 Gennaio, nel mirino di cecchini professionisti perché “consumano troppa acqua e producono gas serra situazione inaccettabile in un paese in fiamme” a quanto dicono i promotori di tale folle iniziativa.

La notizia arriva da “The Australian”, ed è ripresa dai principali tabloid britannici: l’ordine è esecutivo da mercoledì 8 gennaio. La decisione è stata presa dalle autorità della comunità aborigena Anangu Pitjantjatjara Yankunytjatjara lands (AYP), che hanno diramato l’autorizzazione per le zone da loro gestite.

“Il problema con i cammelli selvatici è la quantità di acqua che consumano, e le emissioni di anidride carbonica che producono, in un momento in cui le riserve idriche della regione sono già al limite”. Quindi la decisione di eliminarli, anche perchè da sempre considerati una specie aliena all’Australia (Furono importati fin dall’inizio dell’Ottocento da Afghanistan, India e dalla penisola arabica, e si adattarono bene al clima diventando utili al Paese anche per la costruzione delle infrastrutture, ma presto arrivò il declino: negli anni Trenta i trasporti motorizzati li sostituirono e gli animali rimasero liberi in natura. A oggi sarebbero più di un milione a scorrazzare selvaggi).

Ironia della sorte, il destino di quei poveri quadrupedi – problematici finché si vuole per l’habitat australiano – sarà vano. Anche con diecimila cammelli in meno, l’Australia continuerà a bruciare, il clima a surriscaldarsi, l’acqua a scarseggiare, le specie animali a estinguersi, perché la colpa di quanto accade è tutto dell’uomo.

E forse qualcuno dovrebbe dirlo, al premier sovranista Scott Morrison e agli altri piccoli Bolsonaro del governo australiano, che ridurre le emissioni umane di gas serra, potrebbe servire a mitigare le temperature più di qualche proiettile tra le gobbe dei cammelli. E che se diminuisse lo spreco di risorse idriche magari potremmo spegnere gli incendi e dissetare pure qualche migliaia di mammiferi.

E che gli accordi di Parigi da cui l’Australia si è ritirata con sdegno trumpiano servivano – e servono – esattamente a questo: a evitare che l’Australia finisse prigioniera delle fiamme innescate dai suoi piccoli piromani. A proposito, giusto oggi ne hanno arrestati 180, 40 dei quali minorenni. Che facciamo, Aussie: cecchini pure per loro?

fonti: quotidiano.net – fanpage.it

Sostieni anche tu la libera informazione!

Scegli per i tuoi acquisti prodotti certificati VEGANOK e invita i tuoi conoscenti a fare lo stesso.
Solo con la partecipazione di tutti potremo fare la differenza per la salvaguardia del pianeta.

  1. Avatar

    Assurdo sentire una notizia del genere e ancora più assurdo che nessuno muova un dito

    Reply
  2. Avatar

    L’uomo rappresenta benissimo il concetto di Satana in terra. Da far venire i brividi

    Reply
  3. Tutto questo è’ un incubo, una sconfitta dell’intero pianeta. Ma come è’ possibile che lo stato più bello del mondo venga arso vivo? Io non oso pensare al dolore che stanno provando queste creature, immensamente belle ed uniche. La colpa è’ solo nostra ed io mi vergogno di appartenere al genere umano.

    Reply
  4. Avatar
    Gian Maria Cavalieri 10 Gennaio 2020, 9:07 am

    E’ tutto così surreale! Un continente va a fuoco a causa di incendi dolosi e si incolpano i cammelli di bere troppo acqua. Dove andremo a finire di questo passo?

    Reply
  5. Questa cosa è talmente assurda che se non fosse così tragica sarebbe comica… roba da matti

    Reply
  6. Che la mente umana riesca a “partorire” idee folli non è una novità, ma la cosa peggiore è che ciò che una mente arriva a pensare tante altre lo sostengono.

    Reply
  7. Avatar

    Tutto questo è pura follia.

    Reply
  8. Avatar
    Giovanni Lombardo 10 Gennaio 2020, 11:26 pm

    Questa che i cammelli bevono troppa acqua non ha alcun fondamento scientifico , intanto possono resistere fino a due mesi senza bere e poi ricavano l’ acqua dalle riserve di grasso contenute nelle due gobbe . La verita’e’ che anche in Australia la carne di cammello e’ molto ricercata e dove potranno finire i cammelli uccisi se non nelle tavole degli Australiani ?

    Reply
  9. Incredibile che nessuno intervenga per fermare questa follia.

    Reply

Lascia un commento

L'indirizzo email non verrà pubblicato.

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

Vai alla barra degli strumenti