India: per contenere i contagi da Aviaria è strage di galline, polli e anatre

Dopo la Francia è crisi anche in India, la diffusione dell’Aviaria è galoppante e arrivano notizie di contagi anche dalla Svizzera.

Migliaia gli animali abbattuti negli allevamenti di polli e anatre per contenere il contagio da Aviaria, ma la crisi ormai è diffusa e ha toccato anche la Svizzera.

Su Osservatorio VEGANOK si legge:

Dopo il Covid-19, in queste ore l’India deve affrontare un’altra grave emergenza sanitaria: almeno nove stati hanno confermato la massiccia diffusione del virus dell’influenza aviaria, che ha colpito moltissimi allevamenti avicoli nel Paese. Da qui, la decisione delle autorità sanitarie di chiudere mercati e zoo: Delhi ha ordinato la chiusura di Ghazipur, il suo più grande mercato all’ingrosso di pollame, dopo il ritrovamento di migliaia di uccelli morti per le strade della città; chiusi anche zoo e riserve naturali della capitale, nel tentativo di fermare la diffusione del virus.

Ma non è solo l’India a preoccupare, già giorni fa la Francia ha abbattuto anatre a migliaia per evitare il contagio, ma l’allarme è arrivato anche in Svizzera dopo che è stato trovato un Cigno morto infetto.

Emergenza sanitaria e allevamenti: è ora di fare la connessione

Leggi l’articolo di approfondimento:

Aviaria: in India è strage di galline, polli e anatre per contenere i contagi

L’Osservatorio VEGANOK è un progetto di divulgazione destinato ad aziende e consumatori, il cui focus è fornire aggiornamenti sull’impatto dei prodotti vegetali nel mercato, pubblicare i dati delle analisi di mercato e tendenze di consumo più autorevoli, monitorare il consolidamento del mondo vegan in tutte le sue declinazioni.  www.osservatorioveganok.com

Sostieni anche tu la libera informazione!

Scegli per i tuoi acquisti prodotti certificati VEGANOK e invita i tuoi conoscenti a fare lo stesso.
Solo con la partecipazione di tutti potremo fare la differenza per la salvaguardia del pianeta.

  1. Avatar
    Gian Maria Cavalieri 19 Gennaio 2021, 9:07 am

    Orribile! Non trovo altro aggettivo per commentare la notizia…

    Reply
  2. Che brutta notizia… senza parole

    Reply
  3. Avatar

    Un’immensa ingiustizia. Gli animali non dovrebbero pagare per i nostri errori. Che amarezza.

    Reply

Lascia un commento

L'indirizzo email non verrà pubblicato.

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

Vai alla barra degli strumenti