Internet: cosa cambia nel nostro cervello?

Internet: cosa cambia nel nostro cervello?

Circa gli effetti neurologici del web, gli esperti sono ancora divisi.

Osserviamoci quando siamo davanti al pc, e stiamo navigando in Internet. Potremmo accorgerci di avere il corpo in uno stato di tensione, e la testa come una tastiera.

Schiacciando un tasto specifico viene fuori una determinata soluzione. Schiacciandone un altro magari cominciamo a vivere virtualmente nei panni di un altro personaggio.

E poi ancora possiamo chattare, visitare un forum, scrivere l’e-mail ad un amico lontano, saltare da un blog all’altro. Chi usa la Rete è ormai abituato alla rapidità, alla sequenza veloce di contenuti ed immagini da ritenere o “cestinare”.

Ma cosa succede nel cervello di chi utilizza Internet con una certa frequenza? Un recente studio dello University College di Londra ritiene che le modalità d pensiero e lettura siano completamente cambiati. Poca attenzione per l’analisi e la profondità del racconto, oggi si va al “sodo”, si procede tra titoli e riassunti, passando da un link ad un altro.

Questo passaggio da una attività all’altra avviene in una parte del cervello, chiamata “area d Brodman”. E’ qui che le azioni non portate a termine restano “parcheggiate” in attesa di essere riprese.

Ma è chiaro che la rapidità di questi passaggi può comportare un calo di attenzione, e soprattutto di memoria. Secondo i recenti studi, infatti, il 10% delle persone tra i 20 e i 35 anni che naviga spesso in Rete accusa disturbi della memoria a più livelli.

Quattro milioni di persone negli Stati Uniti soffrono invece di una vera e propria patologia, causata a un abuso dei mezzi di comunicazione (in particolare di Internet). I sintomi? Sbalzi d’umore frequenti, tendenza a dimenticare, iperattività.

Di certo lo abbiamo sperimentato tutti noi: inviare un sms mentre navighiamo in Rete, inviare una mail mentre si ascolta l’I-pod, e così via. Se svolgere tutte queste attività contemporaneamente riesce facile a tutti, è ormai difficile concentrarsi, ricordare, selezionare la moltitudine di informazioni che recepiamo ogni giorno da più parti.

Si sta perdendo, per esempio, la sana e utilissima abitudine di leggere un buon libro nei momenti di relax.

Molti preferiscono scorrere pagine su pagine virtuali, senza godere la sensazione delle dita sulla pagina. Vi invito a riscoprire queste sensazioni perdute, pur senza negare le grande possibilità di conoscenza e informazioni che il web ci propone. Voi che ne dite?

Cristiana Lenoci

http://benessere.guidaconsumatore.com

———————————————————-

Commenta e approfondisci questa notizia sul nostro
FORUM

News Inserita da Daria Mazzali Promiseland.it Redazione Italia

Lascia un commento

L'indirizzo email non verrà pubblicato.

This site uses Akismet to reduce spam. Learn how your comment data is processed.

Skip to toolbar