L\'isola dell\'ombra

Anche quest\’anno la mia regione, la Sicilia, è stata la prima in Italia ad aprire la caccia (1 settembre) e sarà l\’ultima ad aprire le scuole (23 settembre). Ma che nessuno osi mettere in relazione questa cronologia con il fatto che secondo le statistiche i cacciatori hanno da sempre un grado di istruzione medio piuttosto basso. Ovviamente è una coincidenza, un puro caso o, come dicono loro dopo ogni morto ammazzato, una imprevedibile fatalità. Ovviamente.

Tutto qui.

Ah no, scusate, dimenticavo altri due primati.
Alla Sicilia spetta il merito di aver prodotto il primo cadavere della scorsa stagione venatoria (1 settembre 2003) nella persona di un tale che si è seduto sulla propria doppietta, caricata con largo anticipo sull\’inizio ufficiale della mattanza (che l\’anno scorso era il 7 settembre). Probabilmente era un seguace della regola: non rimandare a domani ciò che potresti fare oggi.
Infine, è la Sicilia ad elargirci il primo ferito (24 agosto) della mattanza appena iniziata, nella persona di un tale che ha, come si usa, fatto partire un colpo mentre puliva il fucile (perché come tutti sanno i fucili si puliscono solo se sono carichi; soprattutto quelli da caccia).

Filippo Schillaci

Fonti: Regione Sicilia e Ministero della Pubblica Istruzione

Lascia un commento

L'indirizzo email non verrà pubblicato.

This site uses Akismet to reduce spam. Learn how your comment data is processed.

Skip to toolbar