McDonald’s: Animal Equality denuncia maltrattamenti e sofferenza negli allevamenti di polli

Mentre in Italia è scoppiato un focolaio di Covid-19 in un impianto di macellazione di polli di proprietà dell’azienda Aia. Animal Equality porta alla luce maltrattamenti, abusi e sofferenza inflitti a migliaia di polli dalla nota catena McDonald’s.

Dopo una lettera aperta inviata al New York Times nel marzo scorso in cui le associazioni animaliste hanno voluto appellarsi alla coscienza dei consumatori e dei clienti della celebre catena di fast food McDonald’s invitandoli a prendere coscienza di quali sono le politiche e le non politiche dell’azienda da cui decidono consapevolmente di rifornirsi.

Centinaia di migliaia di polli vengono allevati e cresciuti ogni anno” riporta la lettera edita dal New York Times. L’attenzione è richiesta dal consumatore messo di fronte al muro alzato invece, di fronte alle medesime richieste, dal McDonald. “I polli sono animali intelligenti, complessi, in grado di percepire il dolore – nella missiva – Tuttavia, tu permetti ai tuoi fornitori di allevarli stipati in magazzini per tutta la vita, incapaci di sopravvivere naturalmente“.

Animal Equality denuncia maltrattamenti e sofferenza negli allevamenti di polli in Regno Unito.

Guarda la video inchiesta di Animal Equality (ATTENZIONE: immagini forti):

Su Osservatorio VEGANOK un articolo di approfondimento:

Animal Equality: maltrattamenti e sofferenza negli allevamenti di polli che riforniscono McDonald’s

 

Sostieni anche tu la libera informazione!

Scegli per i tuoi acquisti prodotti certificati VEGANOK e invita i tuoi conoscenti a fare lo stesso.
Solo con la partecipazione di tutti potremo fare la differenza per la salvaguardia del pianeta.

  1. Povere anime, nessuno pagherà per questo lo sappiamo bene 🙁

    Reply

Lascia un commento

L'indirizzo email non verrà pubblicato.

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

Vai alla barra degli strumenti