Rete 4: Alessandra Di Lenge fa trasmettere le immagini di un allevamento intensivo

Dopo essere stata più volte attaccata da ospiti e dallo stesso conduttore, l’attivista delle Iene Vegane, Alessandra Di Lenge, è riuscita a far vedere cosa succede dentro un allevamento intensivo, le immagini hanno lasciato tutti a bocca aperta.

La trasmissione Dritto e Rovescio su Rete 4, ha ultimamente dedicato più di uno spaccato al mondo vegan. Il conduttore, Paolo Del Debbio, è evidentemente poco preparato sull’argomento, tanto da mettere in dubbio la stretta connessione tra cambiamento climatico e consumo di carne, tesi fondata sugli studi di scienziati di tutto il mondo.

L’attivista e presidente dell’Associazione Iene Vegane, Alessandra Di Lenge, ospitata anche le scorse puntate, ieri sera è tornata in studio non solo per continuare ad informare i telespettatori su cosa accade all’interno degli allevamenti intensivi, ma per mostrare le immagini girate all’interno di un allevamento.

Animali agonizzanti, ormai privi di forze, sdraiati sulle loro deiezioni, immagini che il mondo vegan conosce benissimo, ma che non può e non riesce ad accettare, soprattutto perché come dice Alessandra in trasmissione “possiamo vivere senza mangiarli, anzi si vive più in salute”.

Nessuno vuole vedere, neanche chi li mangia tutti i giorni, perché l’immagine che si ha quando si mette nel carrello della spesa maiale, vitello o pollo, è quella di una semplice vaschetta con fettine. La nostra mente percepisce un prodotto e non un animale, quindi è tutto più facile, superabile dal punto di vista etico.

Ma se, come abbiamo supposto più volte, invece che la sola etichetta con scritto “pollo”, “vitello”, “maiale”, ci fossero le immagini scattate dai ragazzi di Iene Vegane, Animal Equality o Essere Animali? Siamo sicuri che sarebbe facile anche per un onnivoro acquistare carne, prosciutto, bresaola?

Alessandra Di Lenge, ormai famosa come attivista vegan grazie ai video su Facebook e Youtube prodotti da Iene Vegane per manifestazioni varie, è approdata negli studi Mediaset prima tra il pubblico parlante della trasmissione Dritto e Rovescio, ed ora tra gli ospiti dello spaccato dedicato al Mondo Vegan. Alessandra sa comunicare molto bene, essendo abituata a fare attivismo per strada, e quindi pur essendo spesso attaccata e a volte anche insultata, ci complimentiamo con lei perché riesce a mantenere la calma nei momenti più caldi della trasmissione e riesce con poche parole ma dritte e semplici a farsi spazio in quello che sappiamo essere uno show, dove fa audience il “tutti contro tutti” fiendo spesso per non riuscire a far passare un messaggio, Alessandra ci riesce, a tal punto da incuriosire gli autori e farsi seguire di notte all’interno di un allevamento intensivo, di cui le immagini sono state trasmesse in tv.

Un altro passo in avanti dal mondo vegan è stato fatto, i video trasmessi parlano chiaro, le atrocità commesse dall’uomo per scopi alimentari sono sotto gli occhi di tutti ormai, non c’é da riflettere ma solo scegliere ascoltando il cuore.

E no! Nessun posto di lavoro è a rischio in un mondo vegan, anzi! La gente può smettere di avere le mani sporche di sangue e sporcarsele di terra.

GUARDA VIDEO!

https://www.mediasetplay.mediaset.it/video/drittoerovescio/puntata-del-21-novembre_F309976501001101

  1. Ancora una volta Grande Ale,
    Ci sarà un motivo se siamo così amici, no?… Orgoglioso di condividere con lei il percorso di lotta per i riconoscimenti dei diritti degli animali non umani.
    GoVegan!
    🙂

    Reply
  2. Non ho ancora guardato la puntata ma già posso immaginare il solito teatrino di Del Debbio (antipatico come una rata del mutuo) e compagnia cantante per quanto riguarda la fazione carnista.
    Alessandra, invece, è una garanzia. Far trasmettere le immagini di un allevamento intensivo durante un dibattito credo sia la strategia migliore, in quanto si da modo di parlare ai fatti.

    Reply
  3. Grazie Alessandra abbiamo bisogno di persone come te per entrare nei cuori delle persone che non conoscono la verità.

    Reply
    • Avatar
      Lorena Pertegato 22 Novembre 2019, 9:24 am

      Grazie Alessandra.
      Sei coraggiosa, non è facile combattere battaglie etiche. Molti immaginano, ma è bene che vedano con i propri occhi.

      Reply
  4. Avatar

    Grazie Alessandra hai fatto vedere a milioni di persone cose davvero succede ogni giorno

    Reply
  5. Avatar

    E arrivato il momento che anche le grandi TV comincino a trasmettere quello che succede tra le fredde mura dei mattatoi. La gente deve aprire gli occhi una volta per tutte.

    Reply
  6. Ho seguito la puntata in diretta. Ormai lo “scontro” è comico. Gente che non sa quel che dice e dice cose tanto per dirle, contro gente informata, consapevole, che parla con il cuore di Amore per la vita e possibilità di rispettarne ogni forma. Il mondo vegan potrà pure avere pochi rappresentanti a suo sostegno ma molti non possono non riflettere sulle motivazioni per cui nella possibilità di scelta noi scegliamo con il cuore. E la prova del fatto che non siamo discutibili, che i nostri valori non sono discutibili o non condivisibili e che semplicemente è difficile per la moltitudine della gente accettare un cambiamento purché buono che sia, lo è stato il macellaio che pareva quasi dalla parte dei vegani. Ieri sera per il ruolo che rappresentava, cinque generazioni di tale attività eppure era pacato e parlava di allevamenti intensivi da chiudere. Ieri sera quasi quasi ha vinto lui, perdenti Cruciani e quell’altro tizio obeso di cui non ricordo il nome, privi di contenuto con un aspetto estetico veramente che è vicino al malaticcio. Auguro al macellaio tanta voglia di cambiamento, gli auguro di avere un’idea d’impresa che rivoluzioni le nuove generazioni di famiglia, per il futuro dei più piccoli. Ad Alessandra che dire?! Preparata, capace e tosta! Come sempre!

    Reply
  7. Grazie Alessandra che combatte tutti i giorni per i diritti animali. Sei Fantastica! Ringrazio profondamente Alessandra che lotta quotidianamente per LORO.

    Reply
  8. Avatar

    Alessandra …tu rappresenti tutti coloro che vivono di amore e rispetto….tutti gli altri ti offendono perché si sono omologati all’immondizia circostante ……io come te e molti altri stiamo portando avanti una battaglia con la sola informazione. …..non riusciremo a vivere in una società dove ogni essere vivente avra gli ‘ stessi diritti per questione di tempo ,ma sicuramente le nuove generazioni potranno ridare ai nostri fratelli animali quella dignità a loro strappata via solo per mero egoismo.Mi propongo come esempio , dato che anche io ho vissuto quasi tutta la mia vita cibandomi di esseri senzienti;…ora e solo ora posso affermare di essermi evoluta

    Reply
  9. Uniti negli ideali con la preparazione e la tenacia , senza mai fermarsi o arrendersi , perché povere creature aspettano da tutti noi la fine del massacro degli innocenti
    Grazie Ale, per rappresentare con calma, educazione e competenza la forza del cambiamento
    Siamo con te sempre !

    Reply
  10. Avatar

    Per me è assolutamente scandaloso questo negazionismo. Davanti a immagini del genere c’è ancora chi ha il coraggio di dire “ma non è sempre così” E allora perchè non li tiriamo fuori questi bei servizi sulle mucche che pascolano in prati verdi, coccolate amorevolmente e munte con delicatezza e poi, quando arriva il momento, guidate con compassione verso la morte? Esistono realtà del genere probabilmente, ma non è certo pertinenza dei colossi del latte e dei salumi. Non so che idea abbiano questi signori dei macelli, ma non è possibile dissociare la crudeltà dai mattatoi…non si può uccidere “gentilmente” e soprattutto nessun animale vuole finire nei nostri piatti. “Ignorance is bliss” dicono…”L’ignoranza è una benedizione” sicuramente si vive bene con questa tranquillità d’animo…ma è questa ignoranza che ci sta mandando al tracollo. Io non mi capacito di come Alessandra riesca a mantenere la calma, questi atteggiamenti sono veramente intollerabili.

    Reply

Lascia un commento

L'indirizzo email non verrà pubblicato.

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

Vai alla barra degli strumenti