Sei un carbotariano?

Ci sono vegetariani, vegani, fruttariani, pescariani, lacto-ovo-vegetariani,crudisti e la lista potrebbe continuare. Avete mai sentito parlare di un carbotariano? Forse tu sei uno di loro!
Un carbotariano è un vegetariano che consuma pasta, pane, pizza e altri cibi ricchi di carboidrati. Questo è ciò che è comunemente noto come un vegetariano malsano. Spesso mi capita di parlare con vegetariani che non mangiano verdura, e la loro dieta consiste solo di pane, formaggio, salsa di pomodoro, pasta.
Lo so essere vegetariani/vegano in un mondo onnivoro è difficile, soprattutto quando si decide di uscire fuori per pranzo/cena le alternative veg sono poche e non sempre per uno spuntino al volo si trovano in giro alimenti freschi e nutrienti. Ed ecco perché penso che sia facile cadere nella trappola dei carboidrati senza rendersene conto. Solo perché le patatine si trovano più facilmente nei menù e sono un alimento veg non significa che si dovrebbe abusarne quotidianamente.
Introdurre carboidrati in quantità eccessive nega al corpo l’ingresso di proteine, vitamine e sostanze nutritive. I carboidrati semplici agiscono come lo zucchero, causando picchi di glicemia che a loro volta potrebbe portare ad un aumento di peso, diabete ed altri disturbi connessi.
É stato dimostrato che l’assunzione di carboidrati generando una sensazione di soddisfazione, induce le persone ad una vera e propria dipendenza: da un lato si placa il senso di fame dall’altro si producono endorfine che danno una sensazione di piacere e di euforia(data dalla produzione indiretta di neurotrasmettitori del piacere). Una volta che i carboidrati vengono spesi in parte nell’attività quotidiana, lasciano un senso di vuoto e di appetito che spinge ad un immediato rifornimento di carboidrati stessi. Si stabilisce pertanto un circolo vizioso che fa di voi un carbotariano.
Inoltre se si assumono molti carboidrati, si rischia di affaticare il metabolismo, soprattutto se non si fa molta attività fisica.
Ecco alcuni suggerimenti per evitare di cadere nella “trappola” dei carboidrati:
1) Fate caso alla vostra assunzione di carboidrati: la Piramide Alimentare  consiglia sei porzioni di cereali al giorno. Per esempio una  porzione è pari a mezza tazza di riso cotto o una fetta di pane integrale. Almeno la metà delle vostre porzioni dovrebbero provenire da cereali integrali, che contengono più fibre e sostanze nutritive.
2) Mangiate una fonte di proteine con il grano. Mantiene stabili i livelli di zucchero nel sangue e aiuta a sentirsi sazi per un periodo più lungo.
3) Mangiate cibi freschi, frutta e verdura cruda per quanto possibile, che contegono più vitamine e nutrienti nella forma grezza oltre ad un buon quantitativo di acqua.
4)Limitate lo stress e prendetevi piccole pause durante le vostre giornate: bastano dieci minuti, di respirazione lenta e rilassata per riprendere il controllo di voi stessi e staccare la spina. Questo vi permetterà di non scaricare le vostre tensioni su cibi ricchi di carboidrati alla ricerca di un’effimera sensazione di appagamento.
Il cibo deve diventare un nostro alleato, per affrontare al meglio le nostre giornate, essere il nostro carburante e non un’ossessione.
E come diceva Ippocrate “fa che il cibo sia la tua medicina e la medicina sia il tuo cibo“.
 
 

  1. Avatar

    Grazie per l’articolo..
    In effetti la stavo quasi per diventare..ed e’ vero..i carboidrati danno una specie di dipendenza, piu’ ne mangi piu’ ne mangeresti..
    La soluzione, per me, e’ stata quella di sforzarmi a sostituire il piu’ possibile, soprattutto gli spuntini fuori pasto, con la frutta.
    Un saluto!

    Reply
  2. Avatar

    ecco cosa sono! e la risposta ai miei kili in più! vorrei gentilmente piu info rigusrdo alle porzioni per poter regolarmi meglio, grazie!

    Reply
    • Per definire i grammi dei carboidrati bisogna conoscere il consumo quotidiano anche di proteine e grassi.La dieta mediterranea prevede un apporto di carboidrati variabile tra il 55 ed il 60% dell’apporto calorico giornaliero. Allo stesso tempo il consumo di zuccheri semplici non dovrebbe superare il 10-12 % dell’energia giornaliera totale.
      Le ultime ricerche consigliamo di attenersi ad un quantitativo giornaliero di carboidrati del 55% dell’energia totale e cercando di limitare il più possibile il consumo di carboidrati semplici,prediligendo il consumo di alimenti ricchi di fibra come la verdura e la frutta non zuccherina.
      Per capire quanti grammi di carboidrati, proteine e grassi si dovrebbero assumenre in base al proprio fabbisogno, si parte da un semplice dato: che il fabbisogno calorico medio giornaliero di un adulto mediamente sedentario è di 2000 Kilocalorie.
      I nutrizionisti di solito usano una regola matematica:
      il 60 % di queste Kilocalorie deve provenire dai carboidrati; quindi 1200 Kilocalorie cioè 2000/100* 60 .Ogni grammo di carboidrati sviluppa 4 Kilocalorie, per cui si dividono le kilocarie da ingerire per questo numero e si ottiene il peso dei carboidrati necessari alla alla propria dieta, cioè 300 grammi (1200/4=300).
      Si ripete la stessa operazione con le proteine (2000/100*15) ed si ottiene 300 Kilocarie necessarie. Anche le proteine, come i carboidrati, sviluppano 4 Kilocalorie per grammo, perciò la quantità di proteine giornaliere da ingerire è di 75 grammi (300/4=75). Le 500 Kilocalorie che avanzano dal fabbisogno devono provenire dai grassi che sviluppano 9 kilocalorie al grammo, la quantità da ingerire sara’ di 55 grammi (500/9=~55).
      Quindi un uomo con un fabbisogno medio di 2000 kilocarie al giorno deve ingerire circa:
      · 300 grammi di carboidrati (150 gr nel caso si abbia bisogno di perdere peso)
      · 75 grammi di proteine
      · 55 grammi di grassi

      Reply
  3. Avatar

    i calcoli fatti basandosi su una dieta mediterranea sono completamente sfasati se raportati ad una alimentazione salutare, un’ alimentazione onnivora per quanto curata possa essere, non sarà mai salutare, non si può prescindere dal veganismo alla base di una alimentazione naturale, ovviamente da studiare e includere in un cammino di riavicinamento alla natura, in uno stile di vita che inneggi al rispetto degli altri partendo dall’amore e quindi dalla cura verso se stessi.

    Reply
  4. Avatar
    andrea caramanna 28 Maggio 2012, 11:50 am

    E’ un argomento davvero interessante, perché tutti i vegetariani e vegani sono portati a rendere sregolata la dieta con l’aumento di carboidrati.
    Nell’articolo la percentuale di grassi è alta. Per una dieta salutare non dovrebbe superare il 10%. Lo stesso vale per le proteine. 75 grammi di proteine al giorno sono troppi, soprattutto per chi non è in crescita, per le donne che pesano di meno, per attenersi a una corrispondenza tra kilogrammi di peso e g di proteine. C’è chi sostiene che basta una quota oltre 30 grammi per andare verso l’acidificazione del sangue con risapute conseguenze per riportare in equilibrio il sistema.
    C’è da aggiungere che il vero problema è aumentare la quantità di frutta per ridurre i carboidrati complessi che danno più sazietà e dipendenza. Per mia esperienza suggerisco di organizzarsi con 4/5 pasti di sola frutta. Mattina, metà mattina, mezzogiorno, metà pomeriggio, sera e ridurre i pasti principali pranzo e cena a una leggera quantità di pasta o pizza sempre integrale preceduta sempre da una buona insalata con prevalenza di foglie verdi.

    Reply
  5. Avatar

    aiutoooooo!!!!! io sono caduta in pieno nella trappola del carboidrato!!!!
    mi autodefinisco carboidrato dipendente….ecco lo sapevo che doveva esistere una forma di dipendenza!!! tutto cioè aggravato dal fatto che adoro fare pane e torte lievitate !
    anche prima di diventare vegan ho sempre adorato pane , pizza , pasta la condanna delle P !!!
    io mi sforzo di mangiare piu frutta, come snack, soprattutto come suggerisce Renata…ma poi se vedo qcosa come grissini o crackers non riesco a resistere!
    Quindi grazie per l’articolo che ora mi rileggero’ attentamente , non demordo, magari stavolta la famosa settimana senza carboidrati riesco a farla !
    adesso vedo se sul forum cè un gruppo SOS CARBOTARIANI o CARBOTARIANI ANONIMI !!!
    buona settimana a tutti

    Reply
  6. Avatar

    Hi Frankie!
    ..oltre alla frutta prova anche con i semi (senza esagerare) specialmente con quelli di sesamo masticati bene, a me piacciono anche quelli di girasole e quando li mangi pensa che, al contrario di pizza e focaccia, i semi e la frutta sono crudi quindi fanno pure bene!
    E vedrai che il piatto di pasta a pranzo sara’ molto piu’ gustoso 😉

    Reply
  7. Attenzione a non cadere nella dipendenza da semi e frutta secca!!! Ah ah ah!
    Non so se è già stato detto, ma se la pasta è integrale è meglio perché più ricca di fibre. 🙂

    Reply
    • Avatar

      Eh eh..tra parentesi ho messo “senza esagerare” proprio per questo motivo..
      Non l’ho detto prima per non sembrare un’estremista ma, sinceramente, penso proprio che l’ideale sia consumare frutta e verdura fresche tutto il giorno e alla sera un piatto di cereali e/o legumi..
      Insomma..piano, piano “virare” verso il crudismo, almeno per buona parte della giornata…
      E’ che, non ci possso fare granche’, ma..per la pasta&fagioli potrei uccidere.
      Scherzo 😉

      Reply

Lascia un commento

L'indirizzo email non verrà pubblicato.

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

Vai alla barra degli strumenti