VEGANOK TG News: arriva il cashmere vegetale che rivoluzionerà il mondo della moda

Moda etica: dall’India arriva il cashmere animal-free ottenuto dalle fibre di una pianta- L’emergenza sanitaria di questi mesi sembra aver inaugurato una nuova era, quella degli acquisti virtuali- In forte crescita il mercato delle proteine di lupino, in linea con l’aumento della domanda di alimenti e bevande plant-based- – Pulizie della casa: spopolano i prodotti “green”, vince su tutti il claim “biodegradabile”

L’emergenza sanitaria di questi mesi sembra aver inaugurato una nuova era, nella quale gli acquisti – anche in ambito food – diventano virtuali. Il lockdown dei primi mesi dell’anno ha costretto milioni di persone tra le mura domestiche , complice la paura del contagio e la poca voglia di file interminabili al supermercato, la tendenza all’acquisto via internet ha subito un’impennata, confermando un trend già in crescita nel 2019. Secondo il Rapporto Coop 2020, le vendite online in Italia hanno registrato un +132% rispetto allo scorso anno, portando il fenomeno a raggiungere in poco tempo i numeri previsti per i prossimi cinque anni. Entro la fine del 2021, secondo gli esperti, il trend raggiungerà un valore di 2,7 miliardi di euro, che prima della pandemia era previsto per il 2025.

In forte crescita il mercato delle proteine di lupino, in linea con l’aumento della domanda di alimenti e bevande plant-based: a rivelarlo è un report della piattaforma di ricerche di mercato Future Market Insights, che ne prevede una crescita costante fino al 2030. In particolare, a livello globale il mercato delle proteine ​​del lupino è attualmente valutato a 84 milioni di dollari e.In questo periodo di calo dei consumi di carne legato anche alla pandemia da Covid-19, si cercano dunque alternative alle proteine animali: dopo le proteine di piselli e la corsa all’impiego delle fave al posto della soia, sembrerebbe l’ora delle proteine di lupino, già impiegate da numerose aziende in diverse applicazioni alimentari

Moda etica: dall’India arriva il cashmere animal-free ottenuto dalle fibre di una pianta. Si chiama Weganool ed è un tessuto che promette di rivoluzionare il mondo della moda: si tratta di una nuova alternativa 100% vegetale al cashmere  prodotto che deriva dallo sfruttamento della Capra hircus e che ha portato diverse aziende di abbigliamento nel mondo a rinunciare al suo impiego dopo aver visto le immagini degli investigatori Peta.

Pulizie della casa: spopolano i prodotti “green”, vince su tutti il claim “biodegradabile” Secondo ’Osservatorio Immagino il mondo della cura della casa sostenibile ed ecologico si fa sempre più spazio tra gli scaffali di supermercati e ipermercati. Complessivamente si contano 767 prodotti che evidenziano in etichetta le loro caratteristiche “green”, per un valore di 160 milioni di euro. Parliamo del 7,4% della totalità dei prodotti monitorati, che incidono per il 6,6% sulle vendite complessive di questo settore. L’attenzione per l’ambiente da parte dei consumatori, però, non riguarda solo le materie prime utilizzate nei detergenti, ma coinvolge in maniera sempre più significativa anche i materiali di imballaggio e il packaging: “plastica riciclata” (+10,1%) e “meno plastica” risultano i claim particolarmente accattivanti per i consumatori.

Per maggiori in formazioni vai su osservatorioveganok.com

Guarda tutte le puntate di VEGANOK TG News qui!

Sostieni anche tu la libera informazione!

Scegli per i tuoi acquisti prodotti certificati VEGANOK e invita i tuoi conoscenti a fare lo stesso.
Solo con la partecipazione di tutti potremo fare la differenza per la salvaguardia del pianeta.

  1. Avatar
    Gian Maria Cavalieri 24 Settembre 2020, 8:06 am

    Edizione interessante come sempre!

    Reply
  2. È sempre più pressante nella moda scegliere stoffe cruelty free, speriamo sia sempre più un trend in crescita!

    Reply

Lascia un commento

L'indirizzo email non verrà pubblicato.

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

Vai alla barra degli strumenti