VEGANOK TG News: focolai di virus in tutto il mondo all’interno dei macelli

Gli impianti di lavorazione della carne di tutto il mondo stanno gestendo nuovi focolai di virus- Wuhan la città, focolaio del Covid19 in Cina vieta la caccia e il consumo di animali selvatici per un periodo di tempo di 5 anni- Il lockdown  riduzione dell’inquinamento da polveri sottili ma frena la lotta alla plastica- Pandemia imprese rimaste attive e imprese rimaste ferme.

Gli impianti di lavorazione della carne di tutto il mondo stanno gestendo nuovi focolai di virus. Negli Stati Uniti ci sono stati quasi 5.000 casi e almeno 20 morti tra i lavoratori degli stabilimenti. gli ambienti di macellazione o sezionamento delle carni sono luoghi particolarmente insalubri a causa della presenza massiva di feci e sangue animale. In Canada confermati 949 casi, in Australia circa 70 casi in Germania sarebbero più di 600 i lavoratori dei macelli tedeschi a essere risultati positivi al test, in Irlanda oltre 560 lavoratori interessati in Spagna oltre 200 casi in un impianto vicino ad Aragona. Anche in Italia, dove l’industria della carne è sempre più concentrata, la situazione negli stabilimenti è da tenere sotto controllo: nella provincia di Bari per due settimane è stato chiusa una struttura dopo che 71 sono presenti risultati positivi al virus.

Wuhan la città, focolaio del coronavirus in Cina, vieta la caccia e il consumo di animali selvatici per un periodo di tempo di 5 anni in risposta al Covid-19.  Wuhan diventerà un “santuario della fauna selvatica” in cui tutta la caccia agli animali selvatici è stata vietata. Sono però previste alcune eccezioni come “ricerca scientifica. Nel provvedimento si prevede anche una rafforzamento della supervisione e delle pratiche di ispezione. Sarà intensificato il controllo delle forze dell’ordine sulle violazioni della fauna selvatica nei mercati commerciali, negli hotel, nelle piattaforme di e-commerce, negli ambiti legati alla trasformazione dei prodotti alimentari.

Il lockdown  ha portato a una sensibile riduzione dell’inquinamento da polveri sottili, ma ha purtroppo messo un freno alla lotta alla plastica. La paura del contagio spinge i consumatori a prediligere alimenti confezionati, gli acquisti on line in aumento hanno portato ad un  aumentato inevitabilmente anche l’impiego di imballaggi, A questi vanno aggiunti poi gli imballaggi usa e getta utilizzati per i servizi di consegna cibo a domicilio anche guanti e mascherine, insieme a dispositivi medici di vario genere, contribuiscono a rendere il problema ambientale estremamente concreto e importante. 

A causa della pandemia secondo i dati Istat, sono rimaste ferme 2,1 milioni di imprese che danno lavoro a 7,1 milioni di addetti (di cui 4,8 milioni dipendenti); 

perdite economiche significative 

settore dei servizi ricreativi -98%

settore automobilistico -97,8% 

settore dell’arredamento per la casa -94% 

alberghi, bar e ristoranti -92,6%

settore dell’abbigliamento -89% 

Sono rimaste attive invece 2,3 milioni di imprese con circa 16 milioni di lavoratori che hanno potuto continuare la propria attività anche grazie allo smart working come giornalisti comunicatori, bancari e assicuratori, impiegati della pubblica amministrazione e insegnanti, ovviamente il personale sanitario, addetti alla logistica e ai trasporti  tutti gli addetti all’agricoltura il 94%

Per maggiori in formazioni vai su osservatorioveganok.com

Guarda tutte le puntate di VEGANOK TG News qui!

 

  1. Interessanti notizie che fanno riflettere sul momento che stiamo vivendo

    Reply
  2. Una bella illuminazione per l’intera umanità visto che tutti questi virus sono zoonosi no ehh???!!! La razza umana è destinata a estinguersi.

    Reply
  3. Tutte notizie molto interessanti 🙂

    Reply
  4. Avatar
    Gian Maria Cavalieri 30 Maggio 2020, 12:25 pm

    Edizione top, come sempre 😉

    Reply

Lascia un commento

L'indirizzo email non verrà pubblicato.

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

Vai alla barra degli strumenti