VEGANOK TG News: il consumo di carne vegetale continua a crescere

Sono gli onnivori a far crescere il consumo di carne vegetale- La Commissione Europea chiede al Comitato Scientifico per la Sicurezza dei Consumatori di esprimersi sugli eventuali effetti dannosi che i nanomateriali nei cosmetici- Si sceglie sempre di più la moda di seconda mano e il noleggio- Bevande vegetali raggiungeranno un valore di 34 miliardi di dollari- Osservatorioveganok oggi è anche magazine il link per abbonarsi gratuitamente.

Indice notizie della 80a Edizione di VEGANOK TG News:

Sono gli onnivori a far crescere il mercato della carne vegetale ecco perché: secondo una recente indagine effettuata a dicembre 2019 su un gruppo di 1000 adulti statunitensi di cui il 66% si è identificato come onnivoro –  quasi la metà degli intervistati (49%) ha provato almeno una volta un prodotto vegetale alternativo alla carne; il 41% lo ha fatto per il piacere di provare nuovi alimenti, il 27% ha affermato  di averlo fatto per provare a mangiare meno carne e un altro 27% perché pensa che sia una scelta migliore per l’ambiente.

Nanomateriali contenuti nei cosmetici sono sicuri? Oggi, dopo oltre 11 anni da quando è stato approvato l’uso di impiego di nano materiali all’interno dei prodotti cosmetici, che potrebbero essere potenzialmente pericolosi per la salute,  la Commissione Europea chiede al Comitato Scientifico per la Sicurezza dei Consumatori di esprimersi sugli eventuali effetti dannosi che i nanomateriali possono avere sulla salute umana e chiede anche l’elenco preciso e dettagliato dei nanomateriali per i quali è possibile identificare e giustificare preoccupazioni specifiche.

Sempre più consumatori scelgono di abbandonare del tutto o in parte la strada del fast fashion, fatto di molti acquisti a basso e bassissimo costo scegliendo l’acquisto di beni di seconda mano ma anche il noleggio di capi di abbigliamento (e accessori), quest’ultimo un mercato destinato a raggiungere  secondo gli esperti  un valore di 1,9 miliardi di dollari entro il 2023 tutto questo ha un impatto positivo sull’ambiente, dal momento che consente di ridurre i volumi di produzione dell’industria tessile, seconda solo a quella del petrolio per quantità di inquinamento prodotto.

Secondo i dati più recenti, il settore delle bevande vegetali dovrebbe raggiungere un valore di 34 miliardi di dollari entro il 2024, rispetto agli 8,2 miliardi di dollari del 2014, a fianco a un calo importante del consumo di latte vaccino a livello globale. Tra i sostituti del latte vaccino, spicca il latte di avena per preferenza da parte dei consumatori tanto che, secondo alcune analisi di mercato elaborate da Future Market Insights, il valore di questo mercato raggiungerà in 698,8 milioni di dollari entro la fine del 2027

Osservatorio VEGANOK da oggi è anche Magazine,  una rivista tecnica rivolta principalmente ad aziende, professionisti del settore, distribuita a coloro che, lavorando nel comparto produttivo, potranno avere accesso alle giuste informazioni per misurare concretamente l’impatto del mondo vegan sul mercato. I contenuti sono studiati per avere uno sguardo di insieme sui principali settori e per essere fruiti sia in digitale che su carta! Ci si può abbonare gratuitamente e accedi a tutti i contenuti seguendo il Link di iscrizione: magazine.veganok.com

Per maggiori in formazioni vai su osservatorioveganok.com

Guarda tutte le puntate di VEGANOK TG News qui!

  1. Avatar

    Avevo letto che nella carne vegetale ci sono comunque ingredienti creati dagli animali ma non vengono indicati

    Reply
  2. Notizie davvero interessanti… in particolare mi colpisce molto il fenomeno del cosiddetto fast fashion, di cui secondo me non si parla abbastanza e che ha un forte impatto sull’ambiente. Cercare di limitarlo sarebbe una buona cosa

    Reply
  3. Avatar

    Ottima rassegna della settimana! Betty

    Reply
  4. Esistono talmente tante bevande vegetali da avere l’imbarazzo della scelta 😜

    Reply

Lascia un commento

L'indirizzo email non verrà pubblicato.

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

Vai alla barra degli strumenti