VEGANOK TG News: Beyond Meat aumento dei ricavi netti del 250% rispetto al 2018

Nelle settimane scorse sono arrivate diverse segnalazioni all’antitrust, da parte delle associazioni di consumatori, circa l’aumento dei prezzi nei supermercati- È online da pochi giorni un documento redatto dall’Istituto Superiore di Sanità dedicato sia agli operatori del settore alimentare sia ai consumatori- Il primo trimestre del 2020 si è chiuso in maniera decisamente positiva per Beyond Meat, azienda famosa ormai a livello globale per i suoi sostituti 100% vegetali di carne e derivati- Durante il lockdown si è assistito a un aumento dell’11% del tempo che gli italiani dedicano a strumenti di comunicazione digitale, social media e streaming.

Il primo trimestre del 2020 si è chiuso in maniera decisamente positiva per Beyond Meat, azienda famosa ormai a livello globale per i suoi sostituti 100% vegetali di carne e derivati: secondo i dati, i ricavi netti del periodo conclusosi il 28 marzo sono stati di 97,1 milioni di dollari, con un incremento del 141% rispetto ai ricavi netti dello stesso periodo dello scorso anno; l’utile lordo, invece, è stato di 37,7 milioni di dollari, ovvero il 38,8% dei ricavi netti, rispetto a un utile lordo di 10,8 milioni di dollari nel 2019. Un anno, quest’ultimo, che nel suo complesso aveva già rappresentato un periodo d’oro per l’azienda con un aumento dei ricavi netti del 250% rispetto al 2018, ma che di questo passo potrebbe verosimilmente essere superato quest’anno nonostante la crisi.

Nelle settimane scorse sono arrivate diverse segnalazioni all’antitrust, da parte delle associazioni di consumatori, circa l’aumento dei prezzi nei supermercati, su generi alimentari di prima necessità, detergenti disinfettanti e guanti.  L’Autorità Garante della Concorrenza e del Mercato ha avviato un’indagine preistruttoria per raccogliere dati di oltre 3800 punti vendita in Italia e valutare se l’aumento dei prezzi è legato ad un fenomeno speculativo. L’Autorità ha inviando richieste di informazioni a numerosi operatori della GDO per acquisire dati sull’andamento dei prezzi di vendita al dettaglio e dei prezzi di acquisto all’ingrosso.

È online da pochi giorni un documento redatto dall’Istituto Superiore di Sanità dedicato sia agli operatori del settore alimentare sia ai consumatori. Si raccomanda al personale operante negli esercizi di vendita di attenersi in modo scrupoloso alle buone pratiche igieniche compresa la gestione delle pulizie, il controllo degli accessi nei supermercati e la distribuzione di prodotti igienizzanti per le mani. Anche il consumatore deve seguire una serie di misure che riguardano la sistemazione della spesa, il lavaggio delle mani, la separazione dei prodotti crudi e di quelli cotti nel frigorifero, la disinfezione delle superfici di casa.

Durante il lockdown si è assistito a un aumento dell’11% del tempo che gli italiani dedicano a strumenti di comunicazione digitale, social media e streaming. Ad aumentare il tempo dedicato a queste attività sono stati soprattutto i Baby Boomers – ovvero le persone nate tra il 1946 e il 1964- con un +16% e coloro che appartengono alla Generazione X – nati tra il 1965 e il 1979 – con un +14%, mentre verosimilmente prima del lockdown utilizzavano con meno frequenza questi strumenti. Nelle generazioni più giovani, invece, questo incremento è risultato più ridotto: +9% per i Millennials – nati tra il 1981 e il 1996 – e +3% per la Generazione Z, dei nati tra il 1997 e il 2019.

Per maggiori in formazioni vai su osservatorioveganok.com

Guarda tutte le puntate di VEGANOK TG News qui!

Sostieni anche tu la libera informazione!

Scegli per i tuoi acquisti prodotti certificati VEGANOK e invita i tuoi conoscenti a fare lo stesso.
Solo con la partecipazione di tutti potremo fare la differenza per la salvaguardia del pianeta.

  1. Confermo… i prezzi degli alimenti sono aumentati 🙁

    Reply
  2. Mentre si parla di crisi è fantastico vedere come questa azienda stia crescendo!

    Reply

Lascia un commento

L'indirizzo email non verrà pubblicato.

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

Vai alla barra degli strumenti